01 Febbraio 2023
Articoli
percorso: Home > Articoli > Redazione DA

LE NOSTRE RAGIONI CONTRO L'AUTONOMIA DIFFERENZIATA

20-12-2022 17:48 - Redazione DA
1. Perché la divisione regionale perseguita svuoterebbe ulteriormente il ruolo e le funzioni del Parlamento, già da tempo indebolite da chi invoca oggi il presidenzialismo e alimenterebbe ancora di più la divisione tra zone più povere e degradate del Paese e zone più ricche.

2. Perché in questo modo le Regioni possono continuare con più libertà a privatizzare ciò che resta del Servizio Sanitario Nazionale, consentendo di curarsi solo ai ricchi, in un Servizio Sanitario che verrebbe sempre più affidato alla gestione di privati, intenzionati a far profitto sulla salute, e ad organizzazioni religiose, complici nella negazione dei diritti, a cominciare dai diritti sessuali e riproduttivi.

3. Perché in questo modo le Regioni possono decidere sull’istruzione pubblica, perfino privatizzarla e abolire il valore legale del titolo di studio.

4. Perché in questo modo le Regioni possono attuare una deregolamentazione regionale che consenta alle aziende e agli speculatori di aggredire ulteriormente l’ambiente e l’ecosistema.

5. Perché apre alla possibilità di adottare contratti di lavoro regionali che consentano un ulteriore sfruttamento del lavoro senza tutele, ancora peggiore di quello fatto finora.

6. Perché le regioni possono avere rapporti diretti con l’Unione Europea e l’accesso immediato ai fondi, che attualmente sono di competenza nazionale, alimentando ancor di più la sottomissione del nostro Paese ai ricatti della UE.

7. Perché, in questo modo, il nostro Paese sarà ancora di più terreno di controllo delle organizzazioni malavitose e del sistema delle clientele, che avranno più mano libera nel decidere a livello locale i loro affari, attraverso propri uomini di fiducia, collocati nelle istituzioni locali.

Confederazione Sinistre Italiane
Democrazia Atea
Inventare Il Futuro
La Città Futura
Partito Comunista Italiano
Partito Dei CARC
Partito Del Sud
Partito Marxista Leninista Italiano
Sostenibilità Equità Solidarietà
Unione Sindacale Italiana
visibility
generic image refresh

Nickname




Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
[]
La stampa polacca intervista Carla Corsetti.


Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Campagna informativa
[]
Left
[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie