29 Giugno 2022
Articoli

IL PREZZO DELLA FIDUCIA

20-01-2021 08:42 - Carla Corsetti
Conte incassa la fiducia, scontata.
Una crisi che ha infastidito, e non poco, Oltretevere.
La prima uscita l'ha fatta Bergoglio, il 10 gennaio, quando ha mostrato contrarietà e con tono di rimprovero, come si fa con i bambini da educare, ha detto che “In questo tempo non c'è il diritto di allontanarsi dall'unità”.
Il sostegno a Conte dal Monarca confinante era una notizia degna di occupare per giorni tutta la stampa nazionale.
Il 15 gennaio è scesa in campo la Conferenza Episcopale Italiana (corrispondente al nostro Consiglio dei Ministri) con Bassetti, omologo di Conte, il quale, pur non avendo mai avuto grandi simpatie per il Governo, ha espresso parole di preoccupazione per la crisi e di fiducia verso Mattarella e la sua capacità di ricomporla.
A seguire sono arrivate le posizioni di appoggio di Azione Cattolica, della Federazione Universitaria Cattolica Italiana, del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale.
Dietro le quinte di questa crisi c’è stato un lavorio del mondo cattolico che non si vedeva dai tempi di Andreotti.
Siccome il clero va dove lo portano i soldi, una ragione c’era.
Scorrendo le 172 cartelle del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, per intenderci il piano elaborato dal Governo per avere accesso a 208 miliardi di prestiti del Recovery Fund, si trova il perché di tanta preoccupazione e sostegno del mondo cattolico per Conte.
Il Governo Conte ha pianificato di destinare 500 milioni di euro al clero per il rifacimento delle chiese, e altri 500 milioni di euro per il Giubileo del 2025, e non poteva cadere mettendo a rischio il Piano.
Un miliardo di euro andranno dunque nelle casse del Vaticano, sottratti alla salute pubblica, alla scuola pubblica, ai trasporti pubblici, all’assistenza sociale.
Non basta il miliardo l’anno sottratto forzosamente con l’8x1000, ora ne incasseranno un altro.
E siccome il Recovery Fund è un prestito che pagheremo con atroci politiche di austerità, il clero resterà esente da qualsiasi forma di restituzione, e noi pagheremo per loro, come sempre.
Se i cattolici vogliono avere rispetto per la loro fede, si ribellino a questo andazzo.
Fino a quando lo giustificheranno tirando fuori dal cilindro i soliti preti di strada “che tanto bene fanno a chi ha bisogno”, facendo finta di ignorare che non saranno mai tre o quattro individui a modificare l’assetto predatorio della casta clericale, non meriteranno né rispetto né considerazione, ma anzi, saranno giudicati corresponsabili dello scempio dei diritti perpetrato dal clero all’ombra delle loro credenze.

visibility
Nickname




Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
[]
La stampa polacca intervista Carla Corsetti.


Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Campagna informativa
[]
Left
[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio

cookie