25 Settembre 2021
visibility
Articoli
percorso: Home > Articoli > Redazione DA

I TALEBANI E IL TERRORISMO DELL'INDIFFERENZA

24-08-2021 08:39 - Redazione DA
Tra qualche mese l'Afghanistan sparirà dalle cronache quotidiane, perché i governi occidentali troveranno la formula meno indigesta per dire che dovremmo dialogare con i talebani

Individuare le categorie interpretative adatte per la comprensione di quanto sta accadendo in Afghanistan, è probabilmente il nucleo centrale della difficoltà narrativa, vista la complessità dei piani e la molteplicità degli aspetti da considerare. Anche la storia “italiana” ha un passato antico di nefandezze e violenze di matrice monoteista, che hanno raggiunto l'apice dell'orrore con l'Inquisizione.
L'inquisizione cattolica non può essere relegata alla sola dimensione religiosa connessa all'ortodossia in contrapposizione ai movimenti eretici, l'inquisizione fu arma di regolamentazione del potere in cui il peccato si faceva crimine pubblico. E le donne, nelle dinamiche di organizzazione del potere che usa l'oppressione religiosa, diventano il bersaglio primario della repressione.

L'Inquisizione, per mano dell'ordine dei mendicanti domenicani, fu responsabile del più grande femminicidio di massa della storia dell'umanità. Ora assistiamo impotenti al femminicidio di massa per mano dei domenicani d'oriente, i talebani, che ripercorrono la stessa categorizzazione dell'inquisizione, ovvero l'interpretazione della violazione della regola coranica come crimine pubblico da condannare con ferocia ed efferatezza.
Non più roghi, ma lapidazioni ed impiccagioni, ovviamente preceduti da stupri e torture. Ripercorrere le responsabilità di quanto accade in queste ore serve quantomeno a trasformare il senso di angoscia e di impotenza, che ogni persona intellettivamente sana prova nel pensare al destino segnato per le sorelle afghane, e a tradurlo in accusa verso soggetti politici e istituzionali.

Il popolo afghano è stato condannato nel 1979 con l'uccisione di Taraki, il quale, tra le altre riforme, aveva introdotto il voto alle donne e abolito i matrimoni forzati, oltre ad aver distribuito terre ai contadini. Il suo vice ministro diede l'ordine di ucciderlo in accordo con la CIia che non gradiva la svolta socialista impressa da Taraki.
L'invasione russa che ne seguì solleticò l'intromissione Usa che da allora, insieme agli alleati di sempre, ovvero i sauditi, finanziò i talebani in funzione antisovietica. Con l'uscita di scena dei sovietici, il potere fu preso dai Mujaheddin i quali proclamarono lo Stato islamico dell'Afganistan, con il pieno appoggio degli Usa.

I talebani presero il sopravvento sui Mujaheddin fino alla decisione Usa del 2001 di invadere l'Afghanistan per “esportare democrazia”. In questi venti anni i talebani hanno stemperato le rozzezze diplomatiche, si sono arricchiti oltre ogni misura con il commercio dell'oppio, hanno comprato armi dai sauditi, hanno rafforzato la coesione ideologica anche attorno alla narrazione della necessità di liberare le terre dell'islam dall'invasione dei crociati.

Ora hanno già dato prova di comandare con il terrore, vigliacco e omicida, come tutti i governi nei quali la religione diventa legge di Stato. Quanto all'oppio, nel primo periodo di occupazione gli Usa si sono vantati di aver distrutto intere piantagioni di papavero afghano, ma hanno omesso di dire che in quel periodo si è avuta una preoccupante siccità che ha distrutto ogni forma di coltivazione, e che dunque i “meriti” erano attribuibili, piuttosto, alle condizioni metereologiche.
Negli anni successivi la produzione di oppio controllata dai talebani, sotto l'occhio complice della Cia, si è espansa grazie anche ad “agenti di commercio” albanesi, fino a coprire oggi tra l'85 e il 90% del “fabbisogno” mondiale di eroina e metanfetamine.

Non c'è soltanto l'ambasciatore russo Zamir Kabulov ad accusare la Cia di aver consentito l'esportazione dell'oppio verso l'occidente e verso l'Asia, anche altri osservatori, come ad esempio David Mansfield, docente della London School of Economics and Political Science, sostengono che i talebani riscuotono una tassa sulla produzione e sulla vendita, ma non producono né raffinano direttamente. In questi venti anni sono stati spesi centinaia di miliardi di dollari per sostenere governi fantoccio, per addestrare milizie governative corrotte, per creare apparati istituzionali fasulli, che si sono sbriciolati come neve al sole.

Ci vorrà qualche mese e l'Afghanistan sparirà dalle cronache quotidiane, perché i governi occidentali troveranno la formula meno indigesta per dire che dovremmo dialogare con i talebani.
Del resto finanziamo Erdogan, abbiamo autorizzato la vendita di armi all'Arabia Saudita, sapendo dei buoni rapporti che aveva con i talebani, non c'è una sola forza politica in Parlamento che non abbia una responsabilità morale per aver rifinanziato le missioni di “pace”, e l'Afghanistan ha una collocazione geografica troppo strategica per lasciarla nelle sole mani della Russia e della Cina.

Gli occhi delle sorelle afghane non hanno più lacrime per piangere e i nostri cuori affranti non trovano pace mentre immaginiamo il terrore che le invade.
In tutto questo orrore, possiamo solo odiare gli indifferenti.

L'autrice: L'avvocato Carla Corsetti è segretario nazionale di Democrazia atea


Fonte: Left
Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Documenti
03-03-2019 - 15,89 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[stampa]] [facebook] [Twitter]
29-07-2021 - 218,22 KB - Verbali
[stampa]] [facebook] [Twitter]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
INFORMATIVA SITO WEB
SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

AI SENSI DEL REGOLAMENTO GENERALE SULLA PROTEZIONE DEI DATI

Grazie per dedicare qualche minuto alla consultazione di questa sezione del nostro sito Web.
La tua privacy è molto importante per il nostro partito politico Democrazia Atea (di seguito indicato con l’acronimo
DA) per tutelarla al meglio, ti forniamo queste note in cui troverai indicazioni sul tipo di informazioni raccolte online e
sulle varie possibilità che hai di intervenire nella raccolta e nell’utilizzo di tali informazioni nel sito.
Si tratta di un’informativa che è resa, anche ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 per la protezione dei dati
personali, a coloro che interagiscono con i servizi web. L’informativa è resa solo per il sito di nostra proprietà e non
anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Il Titolare del trattamento è il partito politico Democrazia Atea, con sede a Ceprano (FR) in Via Vittorio Alfieri, 80.
Il Titolare può essere contattato mediante email all’indirizzo info@democrazia-atea.it o a mezzo pec all’indirizzo
Esercente le funzioni di Titolare del trattamento è il Segretario Nazionale pro-tempore di DA, Carla Corsetti.

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI (DPO)

DA, ai sensi dell’articolo 37 del RGPD, ha proceduto ad individuare e nominare il Data Protection Officer (DPO), Sylvio
Verrecchia, contattabile all’indirizzo email sylvio.verrecchia@peritoinformatico.it o all’indirizzo pec

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi Web di questo sito hanno luogo presso la nostra sede operativa e sono curati dal
personale interno, incaricato del trattamento, che opera con la collaborazione di soggetti terzi designati Responsabili
esterni del trattamento. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che accedono ai servizi web presenti nelle aree interattive del sito (ad es. richieste di
invio di newsletter o richieste di adesione o richieste di informazioni), saranno utilizzati per le sole finalità
preventivamente indicate.

FINALITA’ DEL TRATTAMENTO

I dati personali da Lei (di seguito denominato Utente) liberamente e volontariamente comunicati a DA, quali nome, cognome, email ed eventualmente indirizzo e recapito telefonico, oltre ai dati particolari perché idonei a rivelare un’appartenenza politica, sono necessari per gli adempimenti previsti per legge e sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta:

1.per la richiesta di adesione al partito politico Democrazia Atea;
2.per l’invio della newsletter;
3.per l’invio di comunicazioni relative all’attività svolta da DA
(le iniziative che il partito intraprende o a cui partecipa, quali convegni, congressi, assemblee, manifestazioni pubbliche e dibattiti);
4.per raccolta fondi;
5.per l’invio della tessera, di gadget e pubblicazioni, di materiale informativo, promozionale ed elettorale.

I dati personali potranno essere trattati a mezzo sia di archivi cartacei che informatici, protette adeguatamente e trattati con modalità strettamente necessarie a far fronte alle finalità sopra indicate.

BASE GIURIDICA - CATEGORIE PARTICOLARI DI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 9 del GDPR 2016/679, Lei potrebbe conferire a Democrazia Atea dati qualificabili come “categorie particolari di dati personali” e cioè quei dati che rivelano “l'origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l'appartenenza sindacale, nonché dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona”.

Il fondamento giuridico del trattamento risiede nell’art. 9, par. 2 del GDPR 2016/679:
1-l'interessato ha prestato il proprio consenso esplicito al trattamento di tali dati personali per una o più finalità specifiche;
2-il trattamento è effettuato, nell'ambito delle sue legittime attività e con adeguate garanzie, da una fondazione, associazione o altro organismo senza scopo di lucro che persegua finalità politiche, filosofiche, religiose o sindacali, a condizione che il trattamento riguardi unicamente i membri, gli ex membri o le persone che hanno regolari contatti con la fondazione, l'associazione o l'organismo a motivo delle sue finalità e che i dati personali non siano comunicati all'esterno senza il consenso dell'interessato.




MODALITA’ DI TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE

Il trattamento sarà svolto in forma automatizzata e/o manuale, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 32 del GDPR 2016/679 in materia di misure di sicurezza, per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Il trattamento sarà svolto ad opera di soggetti appositamente incaricati e in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 29 GDPR 2016/ 679. Segnaliamo che, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 GDPR 2016/679, i dati personali saranno conservati per il periodo di tempo strettamente necessario per il conseguimento delle finalità per le quali sono raccolti e trattati.

TRASFERIMENTO DATI
La gestione e la conservazione dei dati personali avverrà su server ubicati all’interno dell’Unione Europea del Titolare e/o di società terze incaricate e debitamente nominate quali Responsabili del trattamento. Attualmente il server web è situato in Germania. I dati non saranno oggetto di trasferimento al di fuori dell’Unione Europea.


TIPI DI DATI TRATTATI

DATI DI NAVIGAZIONE


Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito Web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito solo su richiesta degli organi di vigilanza preposti.

DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE DALL’UTENTE

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta informazione, moduli di contatto o comunque indicati via mail per sollecitare l’invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

PARTE RISERVATA PER I MINORENNI

Nessuna persona di età inferiore ai 18 anni, senza previo consenso dei genitori o di chi ne fa le veci, potrà inviare informazioni a questo sito Web, ne tantomeno potrà fare acquisti o perfezionare atti legali presso questo sito senza il suddetto consenso, a meno che ciò non sia consentito dalle norme in vigore.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di esercitare, ai sensi degli articoli dal 15 al 22 del Regolamento UE n. 2016/679, il diritto di:
1. chiedere la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali;
2. ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati personali, i destinatari o le
categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati e, quando possibile, il periodo di conservazione;
3. ottenere la rettifica e la cancellazione dei dati;
4. ottenere la limitazione del trattamento;
5. ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, e trasmetterli ad un altro titolare del trattamento senza
impedimenti;
6. opporsi al trattamento in qualsiasi momento ed anche nel caso di trattamento per finalità di marketing
diretto;
7. opporsi ad un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione.
8. chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
9. revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
10. proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell’Autorità: www.garanteprivacy.it.
Chiunque dovesse avere dubbi riguardanti il rispetto della politica per la tutela della privacy adottata da DA, la sua applicazione, l’accuratezza dei tuoi dati personali o l’utilizzo delle informazioni raccolte può contattarci al seguente indirizzo postale: Democrazia Atea – Ufficio Privacy – Via Vittorio Alfieri, 80 – 03024 Ceprano (FR), o tramite il seguente indirizzo mail: privacy@democrazia-atea.it .

Per facilitare l'esercizio dei diritti riconosciuti dal Regolamento UE 2016/679, l'interessato potrà scaricare il modulo al seguente link https://www.democrazia-atea.it/file/modelloeserciziodiritti_da.pdf, compilarlo ed inviarlo all’indirizzo mail privacy@democrazia-atea.it .



torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio