25 Settembre 2021
visibility
Articoli
percorso: Home > Articoli > Redazione DA

MACELLERIA GIUDIZIARIA

20-08-2021 14:37 - Redazione DA
Per ridurre la durata dei procedimenti la "riforma Cartabia" conferma l'accanimento contro la prescrizione, uno degli istituti che garantiscono i cittadini dall’uso della forza da parte dello Stato. Si potrebbe invece ricorrere, per es., al potenziamento dei riti alternativi e delle depenalizzazioni

Anche l’ultimo studente di diritto sa che la prescrizione è un correttivo e un contenimento al potere repressivo dello Stato, e anche l’ultimo degli operatori del diritto sa, invece, che la prescrizione è il pungolo per accelerare i procedimenti evitando che si neutralizzino nella estinzione per l’eccessivo decorso del tempo.

Eppure la riforma del processo penale arrivata alla Camera nel luglio scorso (ovvero il Ddl 2435/21 recante la “delega al Governo per l’efficienza del processo penale e disposizioni per la celere definizione dei procedimenti giudiziari pendenti presso le corti d’appello”), che si propone di ridurre del 25% la durata dei procedimenti ricorrendo al concetto di “improcedibilità”, conferma l’accanimento contro l’istituto della prescrizione, dal momento che ormai l’opinione pubblica è stata indotta ritenere che sia il fulcro di tutte le ingiustizie, il punto debole dell’intero apparato normativo e giudiziario, e che, risolto quello, tutto il resto può essere annoverato tra le quisquilie risolvibili. Gli emendamenti introdotti dalla Cartabia sul ddl di Bonafede non sono migliorativi di una pessima riforma e deprimono il sistema giudiziario su aspetti ancora più preoccupanti.

Ogni volta che un processo con imputati eccellenti si è concluso con la pronuncia di prescrizione, anche grazie alla complicità di un giornalismo d’accatto, l’opinione pubblica è stata indotta a credere che la prescrizione fosse un istituto giuridico inserito nel sistema processuale per salvare i potenti dalle responsabilità, sicché la “riforma Bonafede” entrata in vigore l’1 gennaio 2020, oltre a rafforzare questa miope interpretazione, ha avuto come conseguenza quella di distogliere le persone comuni da una seria riflessione sulla responsabilità dello Stato e sulla necessità di intervenire con efficienza sul funzionamento dell’intero sistema giudiziario.

La “prima” riforma della prescrizione voluta da Bonafede è servita a dare soddisfazione alle “pulsioni” giustizialiste di magistrati in cerca di telecamere, alla frustrazione di masse forcaiole, e soprattutto all’ambizione di politici in malafede, mentre i dati sullo stato comatoso dei procedimenti penali non subiranno significative variazioni. I dati tratti dal ministero di Giustizia dicono che circa 125mila procedimenti l’anno si risolvono con prescrizione, ovvero circa il 12% dei procedimenti, di cui 56mila si prescrivono perché le procure arrivano in ritardo a formulare le imputazioni.

Quasi tutti i 125mila procedimenti riguardano reati minori, ed hanno come protagonisti persone comuni che sono incappate nelle maglie della giustizia per reati non gravi, spesso legati a situazioni di disagio economico e sociale, ma spesso legati anche ad azioni di protesta e dimostrative, e che a causa della lentezza della macchina giudiziaria, restano appesi ad un processo per anni.

La prescrizione nel nostro ordinamento è un diritto che non è legato in maniera semplicistica ai meccanismi che regolamentano il processo, perché la prescrizione non ha valenza processuale, ma sostanziale, e come tale è legata al principio di legalità. Il principio di legalità è un principio cardine di tutti gli Stati democratici e garantisce i cittadini dall’uso della forza da parte dello Stato. Se si considera che il diritto penale di per sé è repressivo, il principio di legalità è fondamentale per impedire gli abusi da parte del potere esecutivo, ed eliminare la prescrizione significa legittimare l’abuso repressivo dello Stato.

Smantellare la prescrizione è stato uno dei molteplici passaggi, messi in atto da tempo, per smantellare le garanzie democratiche con il consenso popolare. Abbiamo già leggi repressive, abbiamo già carceri fatiscenti e oppressive, abbiamo forze dell’ordine addestrate alla tortura, abbiamo le maggiori organizzazioni politiche (Lega, PD e Fratelli d’Italia, con il M5S in via di dissolvimento dopo aver fatto da stampella alle altre) sodali delle cd. lobby finanziarie e imprenditoriali, pronte a svendere i nostri diritti come se fosse l’unica loro missione.

Ebbene, di fronte a tutto questo diventa puro masochismo condividere lo smantellamento delle garanzie del sistema penale. Quando viene sbandierato l’esempio di come funziona la prescrizione negli altri Paesi, come sempre accade, la comparazione diventa un fuor d’opera, posto che negli altri Paesi i processi durano un terzo del tempo medio dei processi celebrati in Italia. Il profilo di incostituzionalità generale – che sfugge ai pentastellati ma non solo – risiede nel fatto che ogni persona, in uno Stato di diritto, deve conoscere il tempo entro il quale sarà giudicata la sua responsabilità penale, e non è concepibile, soprattutto in un contesto di grave lentezza nella celebrazione dei processi come quello italiano, inserire un meccanismo che si traduca in un “fine processo mai”.

La riforma Bonafede, monca nell’inquadramento sistematico, e pregna di finalità di basso profilo, ha avuto una prima modifica dopo meno di un anno sicché l’interruzione del decorso della prescrizione al termine del primo grado del giudizio è stata esclusa per le sentenze di assoluzione, rimanendo solo per le sentenze di condanna, maturando in questo caso, un ulteriore e diverso profilo di incostituzionalità per le conseguenze differenti che si determinerebbero in appello.

Per eliminare le storture dei tempi lunghi dei processi, con la “nuova” riforma del processo penale si sarebbe dovuto agire sul diritto penale e su quello processuale all’interno di una coerente riforma complessiva, con il potenziamento dei riti alternativi e delle depenalizzazioni, e non certo andando ad incidere su singoli istituti giuridici con il fine apparente di accorciare i tempi dei processi ma con la finalità sottesa di elidere le garanzie di difesa, tanto invise a pubblici ministeri in favore di telecamere.

I tecnicismi contenuti nella riforma Cartabia sulla domiciliazione dell’imputato assente, sull’acquisizione delle videoregistrazioni delle dichiarazioni delle persone informate sui fatti, sulla digitalizzazione e sugli adempimenti telematici, non incidono in maniera significativa sulla durata dei processi, anzi è assai probabile che le fasi di transizione renderanno i tempi ancora più lunghi.

Il disegno di legge dell’ex ministro Bonafede ha annoverato criticità rozze ma ha spianato la strada agli emendamenti presentati dal governo il 14 luglio scorso attraverso la ministra Cartabia che non si è fatta scrupolo di assestare un bel colpo alle garanzie dell’impugnazione in appello. E questo è forse politicamente l’aspetto più pretestuoso dell’intera operazione di riforma portata avanti dagli ultimi due ministri di Giustizia, dal momento che vi sono stati inseriti inutili tecnicismi, come ad esempio il mandato specifico al difensore per la proposizione d’appello, volti a rendere più difficoltosa la difesa per chi, generalmente, si affida a difensori d’ufficio, occasionalmente incaricati, e dunque parliamo di persone generalmente in fragilità sociale.

Altro passaggio critico della “riforma Cartabia” è la ghigliottina della improcedibilità che dovrà essere dichiarata dai giudici delle Corti d’Appello ove il procedimento non si concluda in due anni, e dalla Cassazione ove il procedimento non si concluda in un anno, con tempi prorogabili in determinati casi, e che comunque non sembra essere espressione di organicità e razionalità, quanto piuttosto una sforbiciata nel mucchio.

Un istituto inutile sarà sicuramente l’udienza filtro, un altro escamotage di cui non si stenta, sin da ora, a dichiararne l’inutilità con inevitabile allungamento dei tempi. Resta però il nodo più pericoloso e più demolitore del nostro sistema, inserito in sordina come necessità emergenziale, ma in realtà è il cavallo di Troia per la demolizione della tripartizione dei poteri. La rappresentanza, intesa come suprema espressione della sovranità popolare, è stata già neutralizzata con la riduzione del numero dei parlamentari mentre il potere legislativo è stato neutralizzato, di fatto, con la decretazione emergenziale dell’esecutivo. Il potere esecutivo si è già sovrapposto al potere legislativo, e ora, con questa riforma, si appropria anche del potere giudiziario attraverso un codicillo di cui, ovviamente, non si parla.

Tra gli emendamenti proposti dalla ministra Cartabia è stata inserita la proposta di affidare al Parlamento, che in questo passaggio sarà inevitabilmente condizionato dall’esecutivo, di stabilire i criteri generali di priorità dell’esercizio dell’azione penale, mandando a farsi friggere il principio democratico della obbligatorietà della azione penale.

Si affida dunque alle maggioranze parlamentari di turno l’indicazione di quali reati perseguire e quali no, in una deriva che, lungi dall’incidere sui tempi dei processi, in realtà va a minare l’attuale assetto dei rapporti tra i poteri dello Stato, sottomettendo la magistratura al potere esecutivo.
In questo pasticcio normativo, le conseguenze saranno scaricate sull’avvocatura che però non riuscirà a ridimensionare gli esiti nefasti di questa pessima riforma, scontando una farraginosità rimasta intatta, a fronte di norme che rendono più difficoltosa la difesa dei più deboli.

Quando nel 2020 è stata introdotta la riforma Bonafede che ha inserito nel diritto penale l’obbrobrio giuridico dell’interruzione del decorso dei tempi di prescrizione dal termine del primo grado di giudizio, tutti hanno gridato “olè” come quando il toreador infilza il toro morente. Solo che il toro doveva essere salvato e non ucciso, e il toreador in realtà era un brutale macellaio.
Torna alla mente Dick, il macellaio rivoluzionario che nell’Enrico VI di Shakespeare profetizzava: “Per prima cosa ammazzeremo tutti gli avvocati”, ma non riuscì nell’intento perché morì per primo, insieme ai suoi seguaci.

– L’autrice: Carla Corsetti è avvocato e segr. naz. Democrazia atea
Fonte: Left
Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Documenti
03-03-2019 - 15,89 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[stampa]] [facebook] [Twitter]
29-07-2021 - 218,22 KB - Verbali
[stampa]] [facebook] [Twitter]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
INFORMATIVA SITO WEB
SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

AI SENSI DEL REGOLAMENTO GENERALE SULLA PROTEZIONE DEI DATI

Grazie per dedicare qualche minuto alla consultazione di questa sezione del nostro sito Web.
La tua privacy è molto importante per il nostro partito politico Democrazia Atea (di seguito indicato con l’acronimo
DA) per tutelarla al meglio, ti forniamo queste note in cui troverai indicazioni sul tipo di informazioni raccolte online e
sulle varie possibilità che hai di intervenire nella raccolta e nell’utilizzo di tali informazioni nel sito.
Si tratta di un’informativa che è resa, anche ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 per la protezione dei dati
personali, a coloro che interagiscono con i servizi web. L’informativa è resa solo per il sito di nostra proprietà e non
anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Il Titolare del trattamento è il partito politico Democrazia Atea, con sede a Ceprano (FR) in Via Vittorio Alfieri, 80.
Il Titolare può essere contattato mediante email all’indirizzo info@democrazia-atea.it o a mezzo pec all’indirizzo
Esercente le funzioni di Titolare del trattamento è il Segretario Nazionale pro-tempore di DA, Carla Corsetti.

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI (DPO)

DA, ai sensi dell’articolo 37 del RGPD, ha proceduto ad individuare e nominare il Data Protection Officer (DPO), Sylvio
Verrecchia, contattabile all’indirizzo email sylvio.verrecchia@peritoinformatico.it o all’indirizzo pec

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi Web di questo sito hanno luogo presso la nostra sede operativa e sono curati dal
personale interno, incaricato del trattamento, che opera con la collaborazione di soggetti terzi designati Responsabili
esterni del trattamento. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che accedono ai servizi web presenti nelle aree interattive del sito (ad es. richieste di
invio di newsletter o richieste di adesione o richieste di informazioni), saranno utilizzati per le sole finalità
preventivamente indicate.

FINALITA’ DEL TRATTAMENTO

I dati personali da Lei (di seguito denominato Utente) liberamente e volontariamente comunicati a DA, quali nome, cognome, email ed eventualmente indirizzo e recapito telefonico, oltre ai dati particolari perché idonei a rivelare un’appartenenza politica, sono necessari per gli adempimenti previsti per legge e sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta:

1.per la richiesta di adesione al partito politico Democrazia Atea;
2.per l’invio della newsletter;
3.per l’invio di comunicazioni relative all’attività svolta da DA
(le iniziative che il partito intraprende o a cui partecipa, quali convegni, congressi, assemblee, manifestazioni pubbliche e dibattiti);
4.per raccolta fondi;
5.per l’invio della tessera, di gadget e pubblicazioni, di materiale informativo, promozionale ed elettorale.

I dati personali potranno essere trattati a mezzo sia di archivi cartacei che informatici, protette adeguatamente e trattati con modalità strettamente necessarie a far fronte alle finalità sopra indicate.

BASE GIURIDICA - CATEGORIE PARTICOLARI DI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 9 del GDPR 2016/679, Lei potrebbe conferire a Democrazia Atea dati qualificabili come “categorie particolari di dati personali” e cioè quei dati che rivelano “l'origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l'appartenenza sindacale, nonché dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona”.

Il fondamento giuridico del trattamento risiede nell’art. 9, par. 2 del GDPR 2016/679:
1-l'interessato ha prestato il proprio consenso esplicito al trattamento di tali dati personali per una o più finalità specifiche;
2-il trattamento è effettuato, nell'ambito delle sue legittime attività e con adeguate garanzie, da una fondazione, associazione o altro organismo senza scopo di lucro che persegua finalità politiche, filosofiche, religiose o sindacali, a condizione che il trattamento riguardi unicamente i membri, gli ex membri o le persone che hanno regolari contatti con la fondazione, l'associazione o l'organismo a motivo delle sue finalità e che i dati personali non siano comunicati all'esterno senza il consenso dell'interessato.




MODALITA’ DI TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE

Il trattamento sarà svolto in forma automatizzata e/o manuale, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 32 del GDPR 2016/679 in materia di misure di sicurezza, per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Il trattamento sarà svolto ad opera di soggetti appositamente incaricati e in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 29 GDPR 2016/ 679. Segnaliamo che, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 GDPR 2016/679, i dati personali saranno conservati per il periodo di tempo strettamente necessario per il conseguimento delle finalità per le quali sono raccolti e trattati.

TRASFERIMENTO DATI
La gestione e la conservazione dei dati personali avverrà su server ubicati all’interno dell’Unione Europea del Titolare e/o di società terze incaricate e debitamente nominate quali Responsabili del trattamento. Attualmente il server web è situato in Germania. I dati non saranno oggetto di trasferimento al di fuori dell’Unione Europea.


TIPI DI DATI TRATTATI

DATI DI NAVIGAZIONE


Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito Web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito solo su richiesta degli organi di vigilanza preposti.

DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE DALL’UTENTE

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta informazione, moduli di contatto o comunque indicati via mail per sollecitare l’invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

PARTE RISERVATA PER I MINORENNI

Nessuna persona di età inferiore ai 18 anni, senza previo consenso dei genitori o di chi ne fa le veci, potrà inviare informazioni a questo sito Web, ne tantomeno potrà fare acquisti o perfezionare atti legali presso questo sito senza il suddetto consenso, a meno che ciò non sia consentito dalle norme in vigore.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di esercitare, ai sensi degli articoli dal 15 al 22 del Regolamento UE n. 2016/679, il diritto di:
1. chiedere la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali;
2. ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati personali, i destinatari o le
categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati e, quando possibile, il periodo di conservazione;
3. ottenere la rettifica e la cancellazione dei dati;
4. ottenere la limitazione del trattamento;
5. ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, e trasmetterli ad un altro titolare del trattamento senza
impedimenti;
6. opporsi al trattamento in qualsiasi momento ed anche nel caso di trattamento per finalità di marketing
diretto;
7. opporsi ad un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione.
8. chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
9. revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
10. proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell’Autorità: www.garanteprivacy.it.
Chiunque dovesse avere dubbi riguardanti il rispetto della politica per la tutela della privacy adottata da DA, la sua applicazione, l’accuratezza dei tuoi dati personali o l’utilizzo delle informazioni raccolte può contattarci al seguente indirizzo postale: Democrazia Atea – Ufficio Privacy – Via Vittorio Alfieri, 80 – 03024 Ceprano (FR), o tramite il seguente indirizzo mail: privacy@democrazia-atea.it .

Per facilitare l'esercizio dei diritti riconosciuti dal Regolamento UE 2016/679, l'interessato potrà scaricare il modulo al seguente link https://www.democrazia-atea.it/file/modelloeserciziodiritti_da.pdf, compilarlo ed inviarlo all’indirizzo mail privacy@democrazia-atea.it .



torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio