07 Maggio 2021
visibility
Articoli
percorso: Home > Articoli > Redazione DA

Zanzare d'estate

25-11-2019 18:19 - Redazione DA
Che cos’è il Meccanismo Europeo di Stabilità

La crisi finanziaria del 2008 ebbe tra i suoi effetti, una accentuazione del ruolo della governance economica nella Unione Europea a scapito della già debole governance politica.

Già nel 2010, sull’onda della crisi del debito greco, attraverso l’ECOFIN, il Consiglio Economia e Finanza responsabile della politica dell’UE, aveva ideato due strumenti di assistenza temporanea per quegli Stati che si fossero trovati in condizioni finanziarie critiche: il Meccanismo europeo di Stabilizzazione Finanziaria (EFSM) e il Fondo Europeo di Stabilità Finanziaria (EFSF).

L’anno successivo, nel luglio del 2011, gli Stati membri europei concordarono di trasformare quegli strumenti di assistenza temporanea in uno strumento permanente, e istituirono il MES, il Meccanismo Europeo di Stabilità.

Sarà bene ricordare che il Ministro dell’Economia e Finanze che trattò per l’Italia la partita per l’istituzione del MES, fu Giulio Tremonti con al seguito i suoi sottosegretari della Lega.

Furono dunque la Lega e il PDL a stabilire i contenuti e le modalità operative del MES, scrivendo un Trattato depauperante e liberticida.

Nel febbraio del 2012 il MES diventò legge dello Stato anche se la composizione della maggioranza parlamentare nel frattempo era mutata perché Berlusconi era stato sostituito da Monti.

La volata all’approvazione del MES, così come congegnato sin dall’origine, la tirò il PD.

Conoscere il funzionamento del MES diventa necessario per capire in quale nodo scorsoio abbiamo infilato il collo della nostra sovranità.

Se uno Stato membro ha una situazione di insolvenza o di illiquidità, e ha la necessità di attingere ad un programma di aiuti, il MES può decidere di erogare un finanziamento ma le condizioni poste incastrano lo Stato ricevente su due fronti, da un lato lo immiseriscono limitando le politiche interne, e dall’altro lo espongono alle bordate speculative esterne che vengono artatamente scatenate per indurre gli Stati a sottostare alle indicazioni ricevute.

Il MES fu ideato sulla considerazione che le correlazioni tra le economie dei singoli Stati erano talmente interconnesse che l’instabilità di uno Stato avrebbe potuto compromettere la stabilità di tutta l’area.

Per essere certi che agli Stati candidati a ricevere gli aiuti non fosse concesso di eludere le condizioni di restituzione, fu elaborato, subito dopo il MES, il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance dell’Unione Economica e Monetaria, meglio noto come il Fiscal Compact.

L’Italia è tra i Paesi che hanno approvato il Fiscal Compact e che si sono impegnati al rispetto di cinque parametri economici ritenuti essenziali: l’obbligo del perseguimento del pareggio di bilancio; l’obbligo di non superamento della soglia di deficit strutturale superiore allo 0,5% del PIL (e superiore all’1% per i paesi con debito pubblico inferiore al 60% del PIL); la significativa riduzione del rapporto fra debito pubblico e PIL, pari ogni anno a un ventesimo della parte eccedente il 60% del PIL; l’impegno a coordinare i piani di emissione del debito col Consiglio dell’Unione e con la Commissione europea.

L’Italia è andata anche oltre le indicazioni del Fiscal Compact perché le ha finanche costituzionalizzate, modificando l’art.81 della Costituzione e facendo diventare il pareggio di bilancio un cardine costituzionale.

L’inserimento del pareggio di bilancio in Costituzione, in effetti, ha avuto quale effetto distruttivo, la costituzionalizzazione della perdita della sovranità finanziaria dello Stato italiano, da non confondere con la sovranità monetaria che era già stata ceduta con l’introduzione dell’euro.

La sovranità monetaria consiste nella facoltà che ha uno Stato di emettere o stampare moneta in linea con la propria politica monetaria.

La sovranità finanziaria si concretizza, invece, nella facoltà che ha lo Stato di riconoscere i propri debiti ma soprattutto di stabilire quali debbano essere le forme di pagamento e l’eventuale loro estinzione.

L’Italia non ha più né l’una nè l’altra, ma si arrabatta lasciando intendere di portare avanti una difesa degli interessi nazionali di facciata, mentre nel contempo svende e privatizza fino all’inverosimile.

Nonostante l’approvazione dei Trattati istitutivi del MES e del Fiscal Compact, la Germania ha un problema ingestibile con la Deutsche Bank e ha bisogno di un salvataggio a spese dei titoli di Stato di tutta l’area euro, dunque anche svalutando attraverso il MES i titoli italiani.

In definitiva, quello che è stato già fatto con la Germania dell’Est, ora deve essere replicato con tutti gli Stati membri dell’Unione e soprattutto con l’Italia.

E così la Germania ha fatto pressioni per modificare il MES in senso ancora più restrittivo sapendo di poter contare, in Italia, su forze governative come la Lega, il PD e il M5S che dalla distruzione del sistema democratico italiano hanno dimostrato di avere tutto da guadagnare.

Nel giugno del 2019 i due vice-premier Salvini e Di Maio (definizione comunque inesistente nella nostra organizzazione statuale che, al più, riconosce i Vice Presidenti del Consiglio), incaricarono il Presidente del Consiglio (che nei fatti era il loro Amministratore di sostegno) di contribuire ad elaborare, con un proprio contributo, una proposta di modifica del MES la cui approvazione definitiva sarebbe stata comunque demandata al Parlamento entro il dicembre 2019.

La riforma del MES non è dettata da una crisi dei bilanci pubblici, quanto piuttosto da una crisi dei bilanci bancari e primo fra tutti proprio quello della Deutsche Bank che non sa come allocare una quantità di ‘derivati’ provenienti da Londra a seguito della Brexit, e ha bisogno di adottare un meccanismo usuraio verso gli altri Stati.

Il MES può contare, in via teorica, su un fondo da 700 miliardi di euro, e da quando è stato istituito ha già erogato complessivamente, 254 miliardi all’Irlanda, alla Spagna, al Portogallo, a Cipro e tre volte alla Grecia.

L’Italia ha sottoscritto il proprio impegno alla costituzione del fondo con 125,4 miliardi; questa cifra è stata stabilita quando al Governo c’era Berlusconi con la Lega, ed è stata confermata dal PD successivamente in sede parlamentare.

La Germania ha valutato, d’intesa con la Francia, che nonostante l’istituzione del MES che aveva vincolato gli Stati fin dal 2012, nessuno ha ristrutturato il proprio debito come si auspicava, e allora occorre procedere con una operazione di forza che indebolisca irreversibilmente gli Stati in difficoltà, con una privatizzazione ancora più selvaggia di quanto sia stato fatto finora.

Così hanno proposto di modificare i meccanismi di stabilità economica mettendo sotto ricatto gli Stati che hanno ancora una residua capacità economica, come l’Italia, contro cui è facile agire per via di una classe politica complessivamente cialtrona, pur nelle diverse specificità.

Lega e M5S erano al Governo quando è stata proposta la riforma del MES con un accordo di massima, e leggendo le sbruffonate di questi giorni, le conclusioni a trarsi sono ovvie: o non avevano capito allora ed è inaccettabile che si governi senza comprendere, o sono in malafede ora, terzium non datur.

Il PD è il partito che ha da sempre l’obiettivo di trasformare l’Italia nella culla della privatizzazione e il MES riformato è la realizzazione dei loro sogni perversi.

Se già la Commissione Europea aveva un deficit democratico essendo una istituzione non elettiva e che non rispondeva nemmeno al Parlamento Europeo, ora parte del potere della Commissione passa al board del MES, che sarà determinato a decisioni più tecniche che politiche, e sarà sordo alle istanze che potranno derivare dai singoli Stati.

Il MES che ci stanno regalando Lega, PD e M5S consegnerà il potere ad una élite finanziaria che soffrirà nei confronti delle politiche sociali e delle tutele individuali e collettive, lo stesso fastidio che provoca il ronzio delle zanzare d’estate.

(posizione ufficiale di Democrazia Atea e di Potere al Popolo)
Eventi
09-05-2021 - eventi
[]
[facebook] [Twitter] [WhatsApp]
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Nessun profitto sulla pandemia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
Regala un libro
[]
I libri di Carla Corsetti
I diritti d’autore sono devoluti a Democrazia Atea.
Puoi ordinarli on line senza spese di spedizione oppure nelle librerie.
Left
[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left
Campagna informativa
[]
Il testimone
[]
Gli auguri di buon compleanno e un appuntamento a rivederci a fine mese, questa la nostra ultima conversazione.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
194
[]
"Caro ragazzo, per affermare che l'aborto è un omicidio significa che aderisci a quella teoria fondamentalista che ritiene che la vita si formi sin dal concepimento."
[]
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Documenti
03-03-2019 - 16,58 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[stampa]] [facebook] [Twitter]
Area privata
area video
[immagine di anteprima del video: Abbazia di Trisulti]
Categoria generica
invia ad un amico [stampa]] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
[immagine di anteprima del video: 27 ottobre 2018 Reggio Calabria: Carla Corsetti assemblea...]
Categoria generica
invia ad un amico [stampa]] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
INFORMATIVA SITO WEB
SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

AI SENSI DEL REGOLAMENTO GENERALE SULLA PROTEZIONE DEI DATI

Grazie per dedicare qualche minuto alla consultazione di questa sezione del nostro sito Web.
La tua privacy è molto importante per il nostro partito politico Democrazia Atea (di seguito indicato con l’acronimo
DA) per tutelarla al meglio, ti forniamo queste note in cui troverai indicazioni sul tipo di informazioni raccolte online e
sulle varie possibilità che hai di intervenire nella raccolta e nell’utilizzo di tali informazioni nel sito.
Si tratta di un’informativa che è resa, anche ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 per la protezione dei dati
personali, a coloro che interagiscono con i servizi web. L’informativa è resa solo per il sito di nostra proprietà e non
anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Il Titolare del trattamento è il partito politico Democrazia Atea, con sede a Ceprano (FR) in Via Vittorio Alfieri, 80.
Il Titolare può essere contattato mediante email all’indirizzo info@democrazia-atea.it o a mezzo pec all’indirizzo
Esercente le funzioni di Titolare del trattamento è il Segretario Nazionale pro-tempore di DA, Carla Corsetti.

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI (DPO)

DA, ai sensi dell’articolo 37 del RGPD, ha proceduto ad individuare e nominare il Data Protection Officer (DPO), Sylvio
Verrecchia, contattabile all’indirizzo email sylvio.verrecchia@peritoinformatico.it o all’indirizzo pec

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi Web di questo sito hanno luogo presso la nostra sede operativa e sono curati dal
personale interno, incaricato del trattamento, che opera con la collaborazione di soggetti terzi designati Responsabili
esterni del trattamento. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che accedono ai servizi web presenti nelle aree interattive del sito (ad es. richieste di
invio di newsletter o richieste di adesione o richieste di informazioni), saranno utilizzati per le sole finalità
preventivamente indicate.

FINALITA’ DEL TRATTAMENTO

I dati personali da Lei (di seguito denominato Utente) liberamente e volontariamente comunicati a DA, quali nome, cognome, email ed eventualmente indirizzo e recapito telefonico, oltre ai dati particolari perché idonei a rivelare un’appartenenza politica, sono necessari per gli adempimenti previsti per legge e sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta:

1.per la richiesta di adesione al partito politico Democrazia Atea;
2.per l’invio della newsletter;
3.per l’invio di comunicazioni relative all’attività svolta da DA
(le iniziative che il partito intraprende o a cui partecipa, quali convegni, congressi, assemblee, manifestazioni pubbliche e dibattiti);
4.per raccolta fondi;
5.per l’invio della tessera, di gadget e pubblicazioni, di materiale informativo, promozionale ed elettorale.

I dati personali potranno essere trattati a mezzo sia di archivi cartacei che informatici, protette adeguatamente e trattati con modalità strettamente necessarie a far fronte alle finalità sopra indicate.

BASE GIURIDICA - CATEGORIE PARTICOLARI DI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 9 del GDPR 2016/679, Lei potrebbe conferire a Democrazia Atea dati qualificabili come “categorie particolari di dati personali” e cioè quei dati che rivelano “l'origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l'appartenenza sindacale, nonché dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona”.

Il fondamento giuridico del trattamento risiede nell’art. 9, par. 2 del GDPR 2016/679:
1-l'interessato ha prestato il proprio consenso esplicito al trattamento di tali dati personali per una o più finalità specifiche;
2-il trattamento è effettuato, nell'ambito delle sue legittime attività e con adeguate garanzie, da una fondazione, associazione o altro organismo senza scopo di lucro che persegua finalità politiche, filosofiche, religiose o sindacali, a condizione che il trattamento riguardi unicamente i membri, gli ex membri o le persone che hanno regolari contatti con la fondazione, l'associazione o l'organismo a motivo delle sue finalità e che i dati personali non siano comunicati all'esterno senza il consenso dell'interessato.




MODALITA’ DI TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE

Il trattamento sarà svolto in forma automatizzata e/o manuale, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 32 del GDPR 2016/679 in materia di misure di sicurezza, per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Il trattamento sarà svolto ad opera di soggetti appositamente incaricati e in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 29 GDPR 2016/ 679. Segnaliamo che, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 GDPR 2016/679, i dati personali saranno conservati per il periodo di tempo strettamente necessario per il conseguimento delle finalità per le quali sono raccolti e trattati.

TRASFERIMENTO DATI
La gestione e la conservazione dei dati personali avverrà su server ubicati all’interno dell’Unione Europea del Titolare e/o di società terze incaricate e debitamente nominate quali Responsabili del trattamento. Attualmente il server web è situato in Germania. I dati non saranno oggetto di trasferimento al di fuori dell’Unione Europea.


TIPI DI DATI TRATTATI

DATI DI NAVIGAZIONE


Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito Web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito solo su richiesta degli organi di vigilanza preposti.

DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE DALL’UTENTE

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta informazione, moduli di contatto o comunque indicati via mail per sollecitare l’invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

PARTE RISERVATA PER I MINORENNI

Nessuna persona di età inferiore ai 18 anni, senza previo consenso dei genitori o di chi ne fa le veci, potrà inviare informazioni a questo sito Web, ne tantomeno potrà fare acquisti o perfezionare atti legali presso questo sito senza il suddetto consenso, a meno che ciò non sia consentito dalle norme in vigore.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di esercitare, ai sensi degli articoli dal 15 al 22 del Regolamento UE n. 2016/679, il diritto di:
1. chiedere la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali;
2. ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati personali, i destinatari o le
categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati e, quando possibile, il periodo di conservazione;
3. ottenere la rettifica e la cancellazione dei dati;
4. ottenere la limitazione del trattamento;
5. ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, e trasmetterli ad un altro titolare del trattamento senza
impedimenti;
6. opporsi al trattamento in qualsiasi momento ed anche nel caso di trattamento per finalità di marketing
diretto;
7. opporsi ad un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione.
8. chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
9. revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
10. proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell’Autorità: www.garanteprivacy.it.
Chiunque dovesse avere dubbi riguardanti il rispetto della politica per la tutela della privacy adottata da DA, la sua applicazione, l’accuratezza dei tuoi dati personali o l’utilizzo delle informazioni raccolte può contattarci al seguente indirizzo postale: Democrazia Atea – Ufficio Privacy – Via Vittorio Alfieri, 80 – 03024 Ceprano (FR), o tramite il seguente indirizzo mail: privacy@democrazia-atea.it .

Per facilitare l'esercizio dei diritti riconosciuti dal Regolamento UE 2016/679, l'interessato potrà scaricare il modulo al seguente link https://www.democrazia-atea.it/file/modelloeserciziodiritti_da.pdf, compilarlo ed inviarlo all’indirizzo mail privacy@democrazia-atea.it .



torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio