20 Ottobre 2019

Articoli
percorso: Home > Articoli > Redazione DA

Vincere facile

11-05-2019 18:17 - Redazione DA
Matteo Salvini non brilla per estetica del linguaggio, povero e scarno nel suo aspetto semantico.
Non brilla nemmeno per elaborazione concettuale, tanto che sembra rivolgersi perennemente a ragazzi delle scuole medie ripetenti.
Mostra di saper interpretare la bassezza degli istinti umani che trasforma in obiettivi politici, e più sono infimi e rivoltanti e più intercetta il consenso.
Matteo Salvini è perfetto per indurre le persone a demolire i freni inibitori e a ritenersi protetti nell'ignavia. È perfetto nell'interpretare il bisogno delle classi più in difficoltà per colpa dell'austerity, di sentirsi comprese, di sentirsi autorizzate ad essere idealmente carnefici per non sentirsi, almeno per un po', vittime.
La pochezza politica di Salvini e le sue performance ridicole appaiono più che idonee per far sembrare che il limite del crimine possa essere superato per sfizio, non per necessità, e tutto sfuma in una bolla dove regna l'inconsistenza.
Matteo Salvini, sul terreno del consenso, continuerà a vincere facile, e il giornalismo compiacente si sta prestando a questo squallido gioco nel quale c’è un’unica vincitrice, che non ha bisogno di consensi, ovvero la politica economica che ci è stata imposta dalla Troika.
Matteo Salvini sarebbe più spendibile in un talk show come “tronista”, ma nella fase più grave dello smantellamento delle tutele sociali, in un disequilibrio ottocentesco tra capitale e lavoro, diventa, nostro malgrado, il protagonista della scena politica e istituzionale italiana.
“L’operazione Matteo” si risolve in un consenso gonfiato senza meriti. Il dato più deprimente sta nell'osservare la popolazione che si identifica con la sua mediocrità, nella incapacità di elaborare qualcosa di diverso da un protagonismo da gossip, drammaticamente inutile e irreversibilmente deleterio, e come tale destinato, prima o poi, a scomparire e a essere surclassato da una nuova cialtroneria. Il dubbio resta solo su quanto tempo ancora ci vorrà.

Iscriviti a DA

[]
Aderisci al progetto di Democrazia Atea e partecipa alle nostre iniziative.

Comunicato della segreteria

[]
Democrazia Atea ha come obiettivo prioritario difendere e attuare il principio di laicità.
La linea politica da sempre adottata, si è caratterizzata e indirizzata in direzione del contrasto alla politica clericale, responsabile del degrado umano nella società italiana.

Il testimone

[]
Gli auguri di buon compleanno e un appuntamento a rivederci a fine mese, questa la nostra ultima conversazione.

Regala un libro

[]
I libri di Carla Corsetti
I diritti d’autore sono devoluti a Democrazia Atea.
Puoi ordinarli on line senza spese di spedizione oppure nelle librerie.

194

[]
"Caro ragazzo, per affermare che l'aborto è un omicidio significa che aderisci a quella teoria fondamentalista che ritiene che la vita si formi sin dal concepimento."

Petizioni

[]
Le petizioni hanno la funzione di sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche che, il più delle volte, non agganciano il consenso elettorale ma che inducono alla riflessione e aumentano il senso critico degli individui.

Documenti

03-03-2019 - 16,58 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]

Campagna informativa

[]

Left

[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left

Realizzazione siti web www.sitoper.it