26 Gennaio 2022
Articoli

La lettera di scrocco

09-08-2019 23:03 - Segreteria DA
Alla fine dell'ottocento i mafiosi che volevano estorcere denaro o altre utilità ai ricchi possidenti palermitani, gli facevano pervenire un biglietto, noto come lettera di scrocco, nel quale le richieste erano accompagnate dalla minaccia di eventi futuri pregiudizievoli.
Le lettere ovviamente erano anonime e senza alcun riferimento diretto, né su chi fosse ovviamente il mittente, ma nemmeno con indicazione diretta di chi fosse il destinatario.
Mittente e destinatario tuttavia si riconoscevano immediatamente tra di loro.
In queste ore si sta consumando una crisi di governo che pare non abbia motivazioni apparenti.
La Lega ha ottenuto dal M5S tutto quello che ha chiesto, li ha sottomessi fino all'inverosimile, li ha politicamente neutralizzati e probabilmente ha avviato il conto alla rovescia per la loro estinzione, ad onta di sacche di resistenza nell'elettorato di stampo scientology.
Il Presidente Conte ha mediato tra i due partiti al Governo come mediano gli avvocati nei contenziosi permanenti e ogni volta ha spuntato accordicchi a favore della Lega.
Il Presidente Mattarella gli ha firmato il decreto insicurezza bis limitandosi a rilievi di incostituzionalità senza rinviare il testo alle Camere.
Per la TAV ha piegato ai suoi desiderata persino la destra d'opposizione, ovvero il PD.
La Lega pare stia vivendo la sua stagione nel Paese di Bengodi.
La aberrante riduzione dei parlamentari della riforma grillina, per un verso costituirebbe un vantaggio elettorale per i legaioli, per altro verso si rischia di non poter andare al voto fino al 2022 per l'impossibilità di sciogliere le Camere dopo la sua approvazione, e questa prospettiva per la Lega è preoccupante.
Dunque resta il dubbio che le motivazioni della Lega non siano interne all'Italia.
Il 16 luglio la Lega, che inizialmente aveva dichiarato che avrebbe votato Ursula Von der Leyen alla presidenza della Commissione, improvvisamente le ha fatto mancare i voti.
Questa crisi sembra una lettera di scrocco e sembra che la destinataria sia la Presidente della Commissione Europea.
Ergo, non si vogliono le elezioni ma maggiori poteri a chi in questo momento è sotto attacco dall'esterno.

La Segreteria nazionale di Democrazia Atea
Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
[]
La stampa polacca intervista Carla Corsetti.


Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Documenti
03-03-2019 - 15,89 KB - Sbattezzo
[icona per stampare]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[icona per stampare]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[icona per stampare]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[icona per stampare]] [facebook] [Twitter]
Campagna informativa
[]
Left
[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio

cookie