25 Settembre 2021
visibility
Articoli

Sì vuol dire sì. Proposta per una modifica del codice penale in materia di reati “sessuali”

21-04-2021 12:41 - Carla Corsetti
Il concetto sul quale deve ruotare tutta la legislazione sui diritti sessuali è il “consenso”.
Presupporre che ci sia un valido consenso quando la vittima è stata indotta a bere alcolici o è stata drogata, va contro ogni logica, prima ancora che contro il diritto.
Il consenso, in sede civile, ad esempio, si ritiene che sia viziato rispetto alla sottoscrizione di un contratto se non è stata sufficientemente esplicitata una clausola.
In sede penale, in relazione ai reati sessuali, invece, c’è una legislazione che deve essere modificata perché lascia spazio a troppe aberrazioni.
Eppure non tutte le legislazioni si sono evolute in relazione al consenso, e per molte, perché possa concretizzarsi un reato sessuale, si ritiene che sia necessaria la materializzazione di atti di violenza o di minaccia.
Nella legislazione italiana il presupposto della violenza e della minaccia è il criterio centrale per qualificare il reato di violenza sessuale, e da questa impostazione deriva che le manifestazioni di dissenso da parte della vittima, se espresse con una insufficiente determinazione ovvero in presenza di una incapacità totale o parziale a esternare pienamente il dissenso, conducono finanche ad attribuire alla vittima parte della colpa.
Diversamente dai modelli normativi basati sulla violenza o sulla minaccia, come quello italiano, ci sono i modelli incentrati sul consenso per cui se la vittima non ha espresso validamente il suo beneplacito c’è sempre il reato di violenza sessuale.
Esiste una terza ipotesi di modello legislativo, che pone nella centralità del reato il consenso limitato, nel senso che – sarebbe più corretto dire – il reato si compie nel dissenso, ovvero si richiede una valida espressione della volontà contraria all’atto sessuale.
Se la legislazione italiana si è articolata su una qualificazione del reato basato sulla violenza e sulla minaccia, si è comunque avuta una giurisprudenza che ha espresso una maggiore attenzione verso le manifestazioni di dissenso, ad onta di alcune pronunce che hanno fatto il verso all’inquisizione medievale.
La Cassazione, con la sentenza n.4532/2008, ha statuito in maniera assai innovativa rispetto alle qualificazioni del consenso e del dissenso, ma il potere legislativo, supino ad una cultura retrograda, non ne ha colto il portato qualificante ed emancipatorio.
Nella richiamata sentenza i giudici della Cassazione hanno sostenuto che il consenso al rapporto sessuale debba essere pacifico e ininterrotto, trattandosi di una sfera soggettiva in cui sono tutelati, nella loro massima ampiezza, la dignità e la libertà, sia fisica che psichica della persona.
Secondo la Corte non è necessario che il dissenso della vittima si manifesti per tutto il periodo di esecuzione dei delitto, essendo sufficiente che si estrinsechi all’inizio della condotta antigiuridica, e ciò vuol dire che anche quando il rapporto sessuale è iniziato con un consenso del partner, se è intervenuto un dissenso e l’imputato non ne ha tenuto conto, non può invocare a sua discolpa il consenso iniziale.
La valutazione del consenso agli atti sessuali deve perdurare nel corso dell’intero rapporto senza soluzione di continuità, e se il consenso originariamente prestato viene meno per un ripensamento, la prosecuzione dell’atto sessuale integra il reato di violenza sessuale.
La sentenza della Cassazione, tuttavia, contiene una ulteriore ipotesi qualificante in relazione al consenso che, secondo la Corte, deve riguardare anche la condivisione “delle forme o modalità di consumazione dell’amplesso” e ciò significa che se il consenso è stato espresso senza prevedere la eiaculazione nella vagina, o se è stato espresso con l’uso del profilattico e poi il profilattico è stato tolto, si consuma il reato di violenza sessuale.
Il consenso deve essere espresso non solo in riferimento all’atto sessuale, ma deve essere espresso anche in relazione al concepimento.
Il mancato uso del profilattico quando determina una gravidanza indesiderata, deve costituire specifica ipotesi del reato di violenza sessuale.
Biologicamente la fecondazione è subita e non è attiva, è lo spermatozoo che feconda mentre è l’ovulo che è fecondato, dunque il consenso alla gravidanza deve essere equiparato al consenso all’atto sessuale, e ove non sia stato validamente espresso, deve essere sanzionato penalmente.
Una riforma del codice penale in tale direzione si rende urgente anche in considerazione della pratica, sempre più diffusa, chiamata stealthing, che consiste nel togliere il preservativo all’insaputa della partner per indurre una coercizione riproduttiva.
Viene esercitata anche da uomini su altri uomini, con lo scopo di stabilire una supremazia maschile, incuranti dei rischi e sfidando la possibilità di contagio da malattie sessualmente trasmissibili.
Ci sono finanche comunità di uomini ideologicamente protesi a “difendere” il “diritto a diffondere il seme” e disposti perfino ad elargire consigli su come fare per imporre il loro seme a partner non consenzienti.
L’assenza del preservativo senza il consenso della partner, trasforma il rapporto sessuale consensuale in rapporto sessuale non consensuale.
Se non c’è consenso all’atto sessuale è stupro.
Se non c’è consenso alla gravidanza indesiderata, è stupro.
In Inghilterra nel Sexual Offences Act tra le ipotesi di reato c’è quella di togliersi il preservativo o bucarlo senza il consenso della partner, mentre in Australia sotto un profilo normativo, la fattispecie non è ancora specificamente prevista nel Crimen Act (la legge penale di Vittoria), ma le Organizzazioni governative sulla pianificazione familiare hanno già reso pubblici gli esiti delle loro ricerche, sostenendo che il vuoto legislativo debba essere al più presto colmato, soprattutto in difesa delle sex-workers che più subiscono la coercizione riproduttiva, e dunque il rapporto sessuale senza espresso consenso all’assenza del preservativo deve essere considerato reato sessuale.
Tornando al codice penale italiano, l’attuale formulazione dell’art.609 bis c.p. è la seguente:
“Chiunque, con violenza o minaccia o mediante abuso di autorità costringe taluno a compiere o subire atti sessuali è punito con la reclusione da sei a dodici anni.
Alla stessa pena soggiace chi induce taluno a compiere o subire atti sessuali:
1) abusando delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa al momento del fatto;
2) traendo in inganno la persona offesa per essersi il colpevole sostituito ad altra persona.
Nei casi di minore gravità la pena è diminuita in misura non eccedente i due terzi.”
Dovrebbe essere modificato come segue:
“Chiunque, con violenza o minaccia o mediante abuso di autorità costringe taluno a compiere o subire atti sessuali è punito con la reclusione da sei a dodici anni.
Alla stessa pena soggiace chi induce taluno a compiere o subire atti sessuali, O A SUBIRE UNA GRAVIDANZA INDESIDERATA:
1) abusando delle condizioni di inferiorità fisica o psichica della persona offesa al momento del fatto;
2) traendo in inganno la persona offesa per essersi il colpevole sostituito ad altra persona;
3) CONTRO LA VOLONTÀ RICONOSCIBILE DELLA VITTIMA.
Nei casi di minore gravità la pena è diminuita in misura non eccedente i due terzi.”
Una formulazione che sollevi la donna dalla responsabilità della gravidanza indesiderata, spostandola sul fecondatore, avrebbe come prevedibile effetto immediato e conseguente quello di modificare lo stigma che colpevolizza socialmente la donna che “si è fatta mettere incinta”.
Non solo si deve superare la qualificazione del reato attraverso la violenza e la minaccia, non solo si deve superare il ricorso al valido dissenso, ma occorre fare un ulteriore salto qualitativo e impostare la legislazione penale sulla cultura del consenso.
Non si può pensare ad un atto sessuale come qualcosa da cui difendersi, ed è ciò che lascia intendere lo slogan “no vuol dire no”, perché diventa la risposta ad una cultura che si dà per scontato che sia violenta.
Si deve ribaltare il paradigma della difesa per impostare la regola dell’accettazione che si riassume, piuttosto, nel consenso validamente espresso per cui “sì vuol dire sì”.
Articolo pubblicato su Left





















Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Documenti
03-03-2019 - 15,89 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[stampa]] [facebook] [Twitter]
29-07-2021 - 218,22 KB - Verbali
[stampa]] [facebook] [Twitter]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
INFORMATIVA SITO WEB
SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

AI SENSI DEL REGOLAMENTO GENERALE SULLA PROTEZIONE DEI DATI

Grazie per dedicare qualche minuto alla consultazione di questa sezione del nostro sito Web.
La tua privacy è molto importante per il nostro partito politico Democrazia Atea (di seguito indicato con l’acronimo
DA) per tutelarla al meglio, ti forniamo queste note in cui troverai indicazioni sul tipo di informazioni raccolte online e
sulle varie possibilità che hai di intervenire nella raccolta e nell’utilizzo di tali informazioni nel sito.
Si tratta di un’informativa che è resa, anche ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 per la protezione dei dati
personali, a coloro che interagiscono con i servizi web. L’informativa è resa solo per il sito di nostra proprietà e non
anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Il Titolare del trattamento è il partito politico Democrazia Atea, con sede a Ceprano (FR) in Via Vittorio Alfieri, 80.
Il Titolare può essere contattato mediante email all’indirizzo info@democrazia-atea.it o a mezzo pec all’indirizzo
Esercente le funzioni di Titolare del trattamento è il Segretario Nazionale pro-tempore di DA, Carla Corsetti.

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI (DPO)

DA, ai sensi dell’articolo 37 del RGPD, ha proceduto ad individuare e nominare il Data Protection Officer (DPO), Sylvio
Verrecchia, contattabile all’indirizzo email sylvio.verrecchia@peritoinformatico.it o all’indirizzo pec

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi Web di questo sito hanno luogo presso la nostra sede operativa e sono curati dal
personale interno, incaricato del trattamento, che opera con la collaborazione di soggetti terzi designati Responsabili
esterni del trattamento. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che accedono ai servizi web presenti nelle aree interattive del sito (ad es. richieste di
invio di newsletter o richieste di adesione o richieste di informazioni), saranno utilizzati per le sole finalità
preventivamente indicate.

FINALITA’ DEL TRATTAMENTO

I dati personali da Lei (di seguito denominato Utente) liberamente e volontariamente comunicati a DA, quali nome, cognome, email ed eventualmente indirizzo e recapito telefonico, oltre ai dati particolari perché idonei a rivelare un’appartenenza politica, sono necessari per gli adempimenti previsti per legge e sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta:

1.per la richiesta di adesione al partito politico Democrazia Atea;
2.per l’invio della newsletter;
3.per l’invio di comunicazioni relative all’attività svolta da DA
(le iniziative che il partito intraprende o a cui partecipa, quali convegni, congressi, assemblee, manifestazioni pubbliche e dibattiti);
4.per raccolta fondi;
5.per l’invio della tessera, di gadget e pubblicazioni, di materiale informativo, promozionale ed elettorale.

I dati personali potranno essere trattati a mezzo sia di archivi cartacei che informatici, protette adeguatamente e trattati con modalità strettamente necessarie a far fronte alle finalità sopra indicate.

BASE GIURIDICA - CATEGORIE PARTICOLARI DI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 9 del GDPR 2016/679, Lei potrebbe conferire a Democrazia Atea dati qualificabili come “categorie particolari di dati personali” e cioè quei dati che rivelano “l'origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l'appartenenza sindacale, nonché dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona”.

Il fondamento giuridico del trattamento risiede nell’art. 9, par. 2 del GDPR 2016/679:
1-l'interessato ha prestato il proprio consenso esplicito al trattamento di tali dati personali per una o più finalità specifiche;
2-il trattamento è effettuato, nell'ambito delle sue legittime attività e con adeguate garanzie, da una fondazione, associazione o altro organismo senza scopo di lucro che persegua finalità politiche, filosofiche, religiose o sindacali, a condizione che il trattamento riguardi unicamente i membri, gli ex membri o le persone che hanno regolari contatti con la fondazione, l'associazione o l'organismo a motivo delle sue finalità e che i dati personali non siano comunicati all'esterno senza il consenso dell'interessato.




MODALITA’ DI TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE

Il trattamento sarà svolto in forma automatizzata e/o manuale, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 32 del GDPR 2016/679 in materia di misure di sicurezza, per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Il trattamento sarà svolto ad opera di soggetti appositamente incaricati e in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 29 GDPR 2016/ 679. Segnaliamo che, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 GDPR 2016/679, i dati personali saranno conservati per il periodo di tempo strettamente necessario per il conseguimento delle finalità per le quali sono raccolti e trattati.

TRASFERIMENTO DATI
La gestione e la conservazione dei dati personali avverrà su server ubicati all’interno dell’Unione Europea del Titolare e/o di società terze incaricate e debitamente nominate quali Responsabili del trattamento. Attualmente il server web è situato in Germania. I dati non saranno oggetto di trasferimento al di fuori dell’Unione Europea.


TIPI DI DATI TRATTATI

DATI DI NAVIGAZIONE


Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito Web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito solo su richiesta degli organi di vigilanza preposti.

DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE DALL’UTENTE

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta informazione, moduli di contatto o comunque indicati via mail per sollecitare l’invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

PARTE RISERVATA PER I MINORENNI

Nessuna persona di età inferiore ai 18 anni, senza previo consenso dei genitori o di chi ne fa le veci, potrà inviare informazioni a questo sito Web, ne tantomeno potrà fare acquisti o perfezionare atti legali presso questo sito senza il suddetto consenso, a meno che ciò non sia consentito dalle norme in vigore.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di esercitare, ai sensi degli articoli dal 15 al 22 del Regolamento UE n. 2016/679, il diritto di:
1. chiedere la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali;
2. ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati personali, i destinatari o le
categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati e, quando possibile, il periodo di conservazione;
3. ottenere la rettifica e la cancellazione dei dati;
4. ottenere la limitazione del trattamento;
5. ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, e trasmetterli ad un altro titolare del trattamento senza
impedimenti;
6. opporsi al trattamento in qualsiasi momento ed anche nel caso di trattamento per finalità di marketing
diretto;
7. opporsi ad un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione.
8. chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
9. revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
10. proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell’Autorità: www.garanteprivacy.it.
Chiunque dovesse avere dubbi riguardanti il rispetto della politica per la tutela della privacy adottata da DA, la sua applicazione, l’accuratezza dei tuoi dati personali o l’utilizzo delle informazioni raccolte può contattarci al seguente indirizzo postale: Democrazia Atea – Ufficio Privacy – Via Vittorio Alfieri, 80 – 03024 Ceprano (FR), o tramite il seguente indirizzo mail: privacy@democrazia-atea.it .

Per facilitare l'esercizio dei diritti riconosciuti dal Regolamento UE 2016/679, l'interessato potrà scaricare il modulo al seguente link https://www.democrazia-atea.it/file/modelloeserciziodiritti_da.pdf, compilarlo ed inviarlo all’indirizzo mail privacy@democrazia-atea.it .



torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio