05 Dicembre 2020
Articoli
percorso: Home > Articoli > Ciro Verrati

QUANDO LA DEMOCRAZIA E' (ETERO)DIRETTA

28-10-2020 11:30 - Ciro Verrati
Chi di noi non utilizza o non ha utilizzato Wikipedia, enciclopedia online a contenuto libero, collaborativa, multilingue e gratuita, nata nel 2001?
I suoi inventori l'hanno definita libera e collaborativa. Tra le varie definizioni visibili sulla pagina principale ne appaiono due molto chiare: “aperta al contributo di tutti coloro che desiderano migliorarla (anche di chi non è registrato)”, e “improntata ad un punto di vista neutrale, che cerca di essere indipendente da orientamenti ideologici preferenziali”.
Insomma, quello che contraddistingue Wikipedia è l'assenza di preconcetti di qualsiasi stampo, la totale assenza di discriminazioni nei confronti dell'utenza sotto ogni profilo, politico, religioso, sessuale, unico limite, il divieto di inserire materiale promozionale e pubblicitario.
Purtroppo, non è sempre oro quello che luccica.
Molti sono i casi in cui, inspiegabilmente, non viene concesso all'utente di inserire un nuovo argomento. La decisione spetta, senza diritto di appello, agli amministratori, un centinaio di soggetti i quali, protetti dall'anonimato, gestiscono in maniera poco democratica, Wikipedia Italia.
Si racconta, che al suo confronto l'inquisizione medievale è stata gestita da dilettanti; parliamo di un efficiente apparato di censura controllato senza freni da persone che si muovono in piena autonomia, e senza diritto di replica, che fanno il bello e cattivo tempo, censurando tutto ciò che non rispetta i loro pensieri, ma soprattutto i loro valori.
Lo scrittore Massimiliano Parente l'ha definita “la dittatura dell'anonimato”.
Quello che lascia esterrefatti è che il metodo “poco ortodosso” di gestione non è condiviso da tutte le strutture europee ma sembra abitare solo sul suolo italiano.
Emblematico il caso dello scrittore Bonaventura Di Bello che si è visto cancellare da Wikipedia Italia, parti di biografia confermata invece da Wikipedia Inghilterra (https://www.punto-informatico.it/wikipedia-bonaventura.../).
Altra vittima illustre di Wikipedia è stata lo scrittore e ricercatore Piergiorgio Odifreddi che per anni ha cercato di correggere grossolani errori sulla sua biografia (scritta da terzi) senza riuscirci, visto che venivano regolarmente cancellati dall'amministratore con l'intimazione di dimostrare che “lui fosse lui”.
Nonostante le tantissime segnalazioni a carico di Wikipedia non ne risulta nessuna conclusasi con le scuse all'utente e il giusto riconoscimento all'argomento inserito e ingiustamente cancellato.
Chi c'è dietro a Wikipedia?
Non è dato sapere.
Per cercare di immaginare chi ci sia dietro a Wikipedia, appare utile sapere che è stata permessa la pubblicazione della pagina riferita a Casapound, partito di ideologia fascista, mentre da anni viene regolarmente negata la pubblicazione della pagina riferita a Democrazia Atea, partito di ideologia socialista, già presente nelle pagine Wikipedia di Potere al Popolo e di Margherita Hack.
Tutti gli utenti che si sono avventurati in questa impresa hanno avuto un blocco a tempo indeterminato.
Eventi
12-12-2020 - eventi
[]
[facebook] [Twitter] [WhatsApp]
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
8 x mille all'edilizia scolastica
[]
Democrazia Atea e Laicitalia sostengono il proprio impegno per una scuola pubblica e laica e si fanno promotori di questa campagna aperta alle adesioni di chi vuole eliminare le forme di confessionalismo dalla scuola e dal Paese. Firmiamo il nostro 8x1000 allo Stato.
Comunicato della segreteria - 11.06.2020
[]
#IOPRETENDO

Il diritto alla salute è un diritto umano fondamentale, è il diritto di ogni persona a godere delle migliori condizioni di salute fisica e mentale. Nella Costituzione...


Comunicato della segreteria - 08/01/2020
[]
Democrazia Atea condanna tutti gli atti di guerra e in questo frangente esprime la propria condanna alla posizione suicida e subalterna del Governo italiano agli USA. Chiediamo l'uscita dalla NATO e l'immediato ritiro delle truppe italiane non solo dall'Iraq ma da tutti i Paesi del Medio Oriente.
Comunicato della segreteria
[]
Democrazia Atea ha come obiettivo prioritario difendere e attuare il principio di laicità.
La linea politica da sempre adottata, si è caratterizzata e indirizzata in direzione del contrasto alla politica clericale, responsabile del degrado umano nella società italiana.
Iscriviti a DA
[]
Aderisci al progetto di Democrazia Atea e partecipa alle nostre iniziative.
Il testimone
[]
Gli auguri di buon compleanno e un appuntamento a rivederci a fine mese, questa la nostra ultima conversazione.
Regala un libro
[]
I libri di Carla Corsetti
I diritti d’autore sono devoluti a Democrazia Atea.
Puoi ordinarli on line senza spese di spedizione oppure nelle librerie.
194
[]
"Caro ragazzo, per affermare che l'aborto è un omicidio significa che aderisci a quella teoria fondamentalista che ritiene che la vita si formi sin dal concepimento."
Petizioni
[]
Le petizioni hanno la funzione di sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche che, il più delle volte, non agganciano il consenso elettorale ma che inducono alla riflessione e aumentano il senso critico degli individui.
Documenti
03-03-2019 - 16,58 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[stampa]] [facebook] [Twitter]
Campagna informativa
[]
Left
[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left

Realizzazione siti web www.sitoper.it