05 Dicembre 2020
Articoli

LA RIVOLUZIONE E’ DONNA

09-11-2020 08:22 - Carla Corsetti
L’11 novembre di 122 anni fa la Polonia festeggiava la sua indipendenza.
L’esercito tedesco lasciava Varsavia e i polacchi, con grande euforia, festeggiarono la Liberazione dagli invasori.
Durante il regime comunista la festa dell’11 novembre venne soppressa ma gli oppositori continuarono a festeggiarla, ad onta delle repressioni.
Dopo il 1989, con la fine della dittatura, la festa della Indipendenza tornò nuovamente tra le celebrazioni ufficiali.
L’11 novembre 2020 la Polonia darà un nuovo significato alle celebrazioni tradizionali.
L’Indipendenza conquistata oltre cento anni fa avrà un nuovo volto, sarà l’Indipendenza dalla oppressione patriarcale, dall’ingerenza della Chiesa, dalla dittatura del PiS, sarà la giornata della sorellanza polacca, sarà il giorno in cui il diritto di abortire sarà il diritto di non essere corpi sui quali costruire il potere maschile.
Sarà una rinnovata Liberazione contro la violenza di un regime fascista che nel sodalizio con la banda dei pedofili clericali polacchi, ha superato con indecenza il limite della sopportazione.
Le parole pronunciate recentemente da un prete di Macerata contro l’aborto e in assoluzione della pedofilia, per lui certamente più familiare, in riferimento alle recenti decisioni liberticide della Corte Costituzionale polacca, hanno suscitato disprezzo e repulsione.
La risposta delle donne maceratesi è stata immediata.
Hanno organizzato una manifestazione in solidarietà con le donne polacche per ribadire che le omelie non si fanno sul corpo delle donne.
Il potere religioso è un potere fascista e criminale, in Italia come in Polonia.
In entrambi i Paesi la Chiesa cattolica lo ha costruito attraverso lo stupro sistematico dei minori e attraverso la negazione dei diritti sessuali e riproduttivi delle donne.
In Polonia le donne hanno preso coscienza che il nemico più pericoloso per le loro libertà è proprio il clero pedofilo.
In Italia molte donne hanno questa consapevolezza, ma sono ancora molte, troppe, le donne che non hanno capito che nessuno potrà mai costringerle ad abortire, ma che devono consentire che le altre donne possano farlo in totale autodeterminazione.
In Italia sono ancora troppe le donne che portano in chiesa i propri figli e li lasciano in balia degli orchi clericali.
In Italia sono ancora troppe le donne che non hanno compreso il valore della sorellanza costruita sui diritti di tutte.
Sono le donne cattoliche e cattoatee maschiliste, una concentrato di arretratezza e di bassezza etica senza giustificazioni.
Le manifestazioni delle donne polacche, il loro coraggio in un regime repressivo come quello di Jaroslaw Kaczynski dovrebbe indurle a maggior riflessione sulla finalità liberticida della negazione del diritto di abortire, in Italia come in Polonia.
Le manifestazioni che durano ormai da giorni, determinate, non violente, pacifiche, confermano che nel barbaro sistema capitalistico maschilista, patriarcale, clericale, l’unica via d’uscita è femminista, perché la rivoluzione è donna.


Eventi
12-12-2020 - eventi
[]
[facebook] [Twitter] [WhatsApp]
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
8 x mille all'edilizia scolastica
[]
Democrazia Atea e Laicitalia sostengono il proprio impegno per una scuola pubblica e laica e si fanno promotori di questa campagna aperta alle adesioni di chi vuole eliminare le forme di confessionalismo dalla scuola e dal Paese. Firmiamo il nostro 8x1000 allo Stato.
Comunicato della segreteria - 11.06.2020
[]
#IOPRETENDO

Il diritto alla salute è un diritto umano fondamentale, è il diritto di ogni persona a godere delle migliori condizioni di salute fisica e mentale. Nella Costituzione...


Comunicato della segreteria - 08/01/2020
[]
Democrazia Atea condanna tutti gli atti di guerra e in questo frangente esprime la propria condanna alla posizione suicida e subalterna del Governo italiano agli USA. Chiediamo l'uscita dalla NATO e l'immediato ritiro delle truppe italiane non solo dall'Iraq ma da tutti i Paesi del Medio Oriente.
Comunicato della segreteria
[]
Democrazia Atea ha come obiettivo prioritario difendere e attuare il principio di laicità.
La linea politica da sempre adottata, si è caratterizzata e indirizzata in direzione del contrasto alla politica clericale, responsabile del degrado umano nella società italiana.
Iscriviti a DA
[]
Aderisci al progetto di Democrazia Atea e partecipa alle nostre iniziative.
Il testimone
[]
Gli auguri di buon compleanno e un appuntamento a rivederci a fine mese, questa la nostra ultima conversazione.
Regala un libro
[]
I libri di Carla Corsetti
I diritti d’autore sono devoluti a Democrazia Atea.
Puoi ordinarli on line senza spese di spedizione oppure nelle librerie.
194
[]
"Caro ragazzo, per affermare che l'aborto è un omicidio significa che aderisci a quella teoria fondamentalista che ritiene che la vita si formi sin dal concepimento."
Petizioni
[]
Le petizioni hanno la funzione di sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche che, il più delle volte, non agganciano il consenso elettorale ma che inducono alla riflessione e aumentano il senso critico degli individui.
Documenti
03-03-2019 - 16,58 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[stampa]] [facebook] [Twitter]
Campagna informativa
[]
Left
[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left

Realizzazione siti web www.sitoper.it