29 Maggio 2022
Articoli

ORRIBILI RITUALI CATTOLICI

01-10-2020 08:10 - Carla Corsetti
A Roma è in vigore una procedura fascista e cattolica che consente alla società AMA, che si occupa dei servizi cimiteriali, di concerto con le ASL, di seppellire i feti in un’area dedicata.
La barbarie ordita dalle istituzioni romane, che trae origine da una norma del 1939, non si limita alla sepoltura, ma si arricchisce di un ulteriore passaggio inquietante: sul feto sepolto viene eretta una croce e sulla croce viene indicato il nome della madre che ha abortito, dando per scontato, peraltro, che il feto e la madre appartengano alla setta cattolica.
Ora, se avessero inciso su quelle croci il nome del padre, che almeno nel 90% dei casi è responsabile per non essere stato in grado di controllare la propria eiaculazione costringendo la donna ad abortire, di sicuro le istituzioni romane sarebbero corse ai ripari e si sarebbero sollecitate per impedire che fosse reso noto il nome dei fecondatori.
Invece mettere sulle croci cimiteriali il nome della donna che ha abortito, ha il duplice vantaggio per i perversi antiabortisti, di violare la riservatezza delle persone interessate, e nel contempo esporle alla pubblica condanna morale, insomma tutto questo marciume ha lo scopo di infliggere un marchio indelebile e stigmatizzare una scelta.
Sarebbe interessante valutare una ipotesi risarcitoria in favore di ognuna di quelle donne, e che a pagare fossero i vertici delle ASL che hanno violato la privacy lasciando intendere che l’assenso alla registrazione dei feti con il nominativo della madre dovesse rimanere nella riservatezza di una cartella clinica, ma anche i vertici dell’AMA che hanno reso pubblici nominativi che dovevano rimanere non violati, e infine il Comune di Roma i cui amministratori, appartenenti alla setta dei contatori di scontrini e apritori di scatolette, hanno consentito che i regolamenti di polizia mortuaria potessero avvitarsi in simili vergognose prassi.
I responsabili dovranno risarcire le donne vittime di questo orribile rituale, solo così potranno capire la gravità di ciò che hanno fatto.
Sperare nella presa di coscienza di chi aveva la responsabilità di impedire tutto ciò, o sperare che i cattolici e le cattoliche romane facciano sentire la loro voce in dissenso, è una pura illusione, e del resto non è la prima volta che la storia del cattolicesimo italiano si connota di simili bassezze.
visibility
Nickname




Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
[]
La stampa polacca intervista Carla Corsetti.


Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Campagna informativa
[]
Left
[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio

cookie