24 Giugno 2024
person
area privata
visibility
Articoli
percorso: Home > Articoli > Redazione DA

È MORTO IL PASTORE TEDESCO

31-12-2022 22:35 - Redazione DA
E' morto il Pastore tedesco.
E' doveroso ripercorrere alcune significative tappe della sua folgorante carriera.
Nel 1981 Wojtyla lo nominò a capo della Congregazione della dottrina della fede, ovvero ciò che resta del Tribunale dell'inquisizione.
La Congregazione si è sempre occupata di scrutinare le segnalazioni di pedofilia clericale che sono arrivate a migliaia da tutti gli angoli del pianeta, e il compito della Congregazione è stato quello di coprirle sotto una montagna di segretezza, qualificabile con terminologia più specifica, come insabbiamento.
Quando nel 2005 una Corte Distrettuale del Texas lo aveva citato in giudizio per processarlo quale responsabile delle coperture date ai preti pedofili dal suo ruolo, essendo a capo della Congregazione, il Conclave, già preparato per eleggere Bergoglio, elesse lui per evitare che le coperture ai preti pedofili potessero essere esaminate da una Corte texana.
Bergoglio dovette accettare di essere stato scalzato per salvare la Ditta dalla montagna di risarcimenti che quel processo avrebbe potuto aprire.
Ratzinger non si limitò ad insabbiare i casi di pedofilia, ma essendo un fine teologo, redasse la direttiva De Gravoriubus, aggiornando le norme contenute nella direttiva De Crimen Sollicitationis, emanata sotto il pontificato di Roncalli, quello che invitava i fedeli ad andare a casa e dare una carezza ai propri bambini.
Ebbene, le due direttive servivano a dare istruzioni sul da farsi quando un prete stuprava i bambini, suggerimenti e procedure per mantenere sotto minaccia le vittime e le loro famiglie, e su come coprire i sex offender clericali.
Lo stupro sistematico dei minori è sempre stata la loro arma preferita per mantenere in subordinazione le masse, e a quanto pare ha funzionato e continua a funzionare, se esistono ancora genitori che affidano ai preti i loro bambini, sapendo che possono essere stuprati.
Ratzinger non si è occupato solo di coprire i preti pedofili di tutto il pianeta, ma nelle sue fini elaborazioni teologiche, si è occupato di omosessualità al fine di qualificarla come malattia da curare.
La vita di Ratzinger non ha reso migliore questa umanità, anzi ha contribuito grandemente a renderla peggiore.
Lo stupro di un minore è equiparabile all'omicidio della sua mente.
Aver redatto un documento, insieme a Wojtyla, per dare copertura giuridica e giudiziaria a chi si rende responsabile di questo reato, qualifica la sua esistenza più di qualsiasi altra cosa.
Di certo non mancherà all'umanità.
Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh

cookie