25 Febbraio 2021
visibility
Articoli
percorso: Home > Articoli > Redazione DA

Ultimi e penultimi

04-03-2019 18:48 - Redazione DA

L’immigrazione in Europa è una costante nei secoli. Restando all’analisi del fenomeno partendo dal secolo scorso, forse il maggior flusso di migrazione dall’Africa lo registrava la Spagna con imbarcazioni provenienti dal Marocco.
Quando la Spagna è entrata nell’Unione Europea, ha rafforzato le barriere e migliaia di migranti sono annegati davanti alle sue coste.
La politica migratoria adottata dall’Europa è partita da un presupposto ideologico aberrante che è quello della criminalizzazione dei migranti a prescindere, e le iniziative adottate ne sono sembrate la diretta conseguenza, come ad esempio la militarizzazione della difesa dei confini attraverso Frontex.

E’ stato inevitabile per i cittadini europei, percepire l’immigrazione come evento criminale, pericoloso, ingiustificato e ingiustificabile, per giunta negandone le cause
dal colonialismo, all’imperialismo, dallo sfruttamento delle risorse alla militarizzazione di gruppi terroristici locali.
Si aggiunga che il livello di benessere della popolazione italiana negli ultimi due decenni si è ridotto considerevolmente e nel disagio economico è più facile scatenare guerre di intolleranza tra chi ha poco e chi ha meno.
L’analfabetismo funzionale della popolazione italiana, che si è attestato al 47%, fa gioco forza verso espressioni di diffuso razzismo posto che nella ignoranza e nel disagio economico, la popolazione italiana fa dei migranti il capro espiatorio della propria povertà culturale.
Ogni politica diversa dal respingimento tout court, trova l’ostilità di una popolazione che si sente forte del proprio degrado.
E anche in questo c’è una responsabilità di tutti coloro che non rinunciano ai propri privilegi, che si sottraggono al dovere di solidarietà, che contribuiscono in maniera rilevante a depauperare le casse dello Stato contribuendo ad abbassare il livello di assistenza sociale.
In simile contesto non si può pretendere una predisposizione all’accoglienza proprio quella parte della popolazione che stenta a difendere il proprio livello di sussistenza, anch’essa nella necessità di essere assistita da un welfare che è stato disintegrato.
Non è logico chiedere ai penultimi di assistere gli ultimi.

Carla Corsetti
Segretario nazionale di Democrazia Atea
Componente del Coordinamento nazionale di Potere al Popolo
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
Regala un libro
[]
I libri di Carla Corsetti
I diritti d’autore sono devoluti a Democrazia Atea.
Puoi ordinarli on line senza spese di spedizione oppure nelle librerie.
Il testimone
[]
Gli auguri di buon compleanno e un appuntamento a rivederci a fine mese, questa la nostra ultima conversazione.
194
[]
"Caro ragazzo, per affermare che l'aborto è un omicidio significa che aderisci a quella teoria fondamentalista che ritiene che la vita si formi sin dal concepimento."
Documenti
03-03-2019 - 16,58 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[stampa]] [facebook] [Twitter]
Campagna informativa
[]
Left
[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it