25 Settembre 2021
visibility
Articoli
percorso: Home > Articoli > Redazione DA

Sanità modello Zingaretti

24-03-2019 22:09 - Redazione DA
Eppure avevamo creduto che le cose potessero andare diversamente quando Nicola Zingaretti nel 2013, assumendo la presidenza della Regione Lazio, diventa anche Commissario straordinario per la Sanità.
Il risanamento del deficit diventerà invece il paravento per infliggere un colpo mortale alla sanità pubblica a favore di quella privata. E non una privata qualsiasi, ma soprattutto (anche se non solo) quella cattolica. Policlinico Gemelli, Bambino Gesù,Campus Biomedico, sono le strutture che Zingaretti ha maggiormente favorito. Policlinico Umberto Primo, San Camillo, San Filippo Neri, gli ospedali provinciali, sono invece le strutture a cui ha tolto ogni possibilità di essere competitive, di offrire servizi, quando non le ha direttamente chiuse.
Le strutture ospedaliere convenzionate hanno storicamente sempre sforato il tetto di spesa, costringendo poi la Regione, tramite il Tar, sotto la minaccia dei licenziamenti del personale, a pagare prestazioni non previste. Adesso non c'è più bisogno neanche di questo.
I numeri parlano da soli: Zingaretti nel 2015 ha dato al Gemelli 336.265.700 milioni di euro che diventeranno 405.404.415,49 nel 2018 e nel 2017 ha dichiarato in deficit per 65 milioni il San Camillo, 36 milioni il San Giovanni, 22 milioni l’ Umberto Primo, 15 milioni il Sant'Andrea, 3 milioni il Policlinico Tor Vergata. Ebbene, le cause per le quali il San Camillo è sul punto di morire si nascondono dietro alcune cifre: quelle relative ai costi dell'ospedale, pressoché invariati in otto anni e passati dai 466 milioni del 2005 ai 467 del 2013 (in calo rispetto al 2011 quando si toccò il picco con 523 milioni). In mezzo, però, ci sono stati i tagli: di posti letto, scesi dai 1.378 del 2005 ai 976 del 2013, di medici, passati da 1.006 a 822, di infermieri, da 2.500 a 2.025.
Per la sanità pubblica esistono solo razionalizzazione e tagli di spesa, mentre per quella convenzionata (cattolica) denaro a pioggia, senza limiti.
Quando Zingaretti decide di chiudere gli Ospedali nelle cittadine di provincia, si inventa di sostituirli con le Case della Salute per concentrarvi le prestazioni ambulatoriali. “Vicino a te” è il suo slogan. Uno scopo completamente disatteso dalle Case della Salute, e anche qui i numeri delle prestazioni ambulatoriali della sanità cattolica rendono chiara la situazione. ll Policlinico Gemelli nel 2017 ha erogato 9 milioni e 800 mila prestazioni ambulatoriali, 200 mila in più rispetto al 2016, in spregio della deospedalizzazione delle cure che era uno degli obiettivi dichiarati da Zingaretti.
A febbraio del 2018 di 100 milioni agli Ospedali 23 sono per nuove edificazioni al Gemelli, i restanti sono divisi fra 24 strutture, il massimo 9,4 milioni di euro... ma non gliela vuoi far costruire al Gemelli un'altra palazzina?
Le persone così devono fare anche 200 chilometri per una prestazione ambulatoriale prenotata con il RECUP, il servizio unico di prenotazioni della regione Lazio, prestazione che invece avrebbero dovuto e potuto ricevere nei luoghi di residenza.
Del resto quando nel 2014 Zingaretti incontra Maroni, è chiaro ed evidente che anche lui avvierà nella Regione Lazio il modello leghista lombardo di sanità appaltata a privati, per la maggior parte religiosi.
Ora che lo Stato italiano ha approvato la legge sul testamento biologico, consentendo a tutti i cittadini italiani di redigere le Dat, le Disposizioni anticipate di trattamento, i responsabili del Gemelli, che prendono soldi pubblici sottratti alla sanità pubblica, bellamente affermano che “non onoreremo una DAT contraria all’insegnamento cattolico”. In altri termini, prendono i soldi degli italiani, operano su territorio italiano, ma non rispettano le leggi dello Stato italiano. Solo questa dichiarazione avrebbe dovuto indurre il presidente della Regione a revocare ogni convenzione.
Ma con il Campus Bio-Medico Zingaretti supera se stesso. Ecco un primo, significativo dato del 2014: “La Regione ha stretto un accordo con il Campus Bio-Medico di Roma, che resterà in funzione dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 24, il sabato dalle 8 alle 20 e la domenica dalle 8 alle 14. Tra le altre cose la Regione stanzia 7 milioni per aumentare almeno del 25% le prestazioni di esami tac e risonanze magnetiche in tutte le Asl del Lazio”. Omettendo di dire che saranno molto irregolarmente distribuiti fra il Campus, il Gemelli e le ASL. Ma andiamo avanti.
Quando Zingaretti viene eletto, l’Ospedale pubblico San Giovanni ha un acceleratore lineare per la cura dei tumori chiuso in un sotterraneo, non attivo. L'acceleratore dell’Ospedale pubblico San Filippo Neri invece funziona solo fino alle 13 per mancanza di personale. Nel frattempo Zingaretti si reca a inaugurare l'acceleratore del Campus Bio-Medico e non si limita alla partecipazione alla festa ma dichiara che per le prestazioni salvavita, radioterapia, quindi, il Campus Bio-Medico, insieme a tutti gli altri convenzionati, sarà esonerato dal rispetto dei tetti di spesa.
Dunque Zingaretti fa rimanere senza fondi la sanità pubblica e la pone nella impossibilità di erogare servizi, mentre alla sanità cattolica concede di superare i limiti di spesa stabiliti nelle leggi di bilancio, al grido di “sì alla vita, no alla burocrazia”.
Il Campus stesso nella persona del suo ufficio stampa dichiara che sarà presto attivato il pronto soccorso, ma medici del Campus stazionano già nel box del Pronto Soccorso del Sant’Eugenio per ricoverare i pazienti nella loro struttura, con buona pace di chi pensa di essersi rivolto a un Ospedale pubblico laico… ah già, si chiama sistema sanitario, non più servizio… e non hai più diritto a distinguere chi ti cura.
Nel 2017 Zingaretti inaugura la nuova terapia intensiva del Campus biomedico, si complimenta per la partenza della breast unit, “già su una meravigliosa storia” ha definito quella con il Campus… Non ricordo abbia mai detto qualcosa di simile di una struttura pubblica.
Sarà perchè fanno un milione di prestazioni ambulatoriali all'anno?
Ma cosa succede alla nostra sanità pubblica nel frattempo che tutti questi soldi vanno alla sanità religiosa? L’unica cardiochirurgia pubblica di Roma nord, quella del San Filippo Neri viene chiusa, prima dicendo che si tratta di una chiusura temporanea dovuta a ragioni sicurezza e poi basta. Nel frattempo si convenzionano dieci letti di cardiochirugia al Campus biomedico e, sempre al San Filippo Neri, (già declassato da Azienda Ospedaliera Autonoma a Ospedale Asl unificato con il Santo Spirito), la cui colpa probabilmente è solo di esistere all’incrocio fra Villa San Pietro Fatebenefratelli e il Policlinico Gemelli, viene chiusa la terapia intensiva neonatale, aperta invece al Gemelli e a Villa San Pietro. Giusto! Quante ne vuoi avere di terapie intensive neonatali? Solo quelle religiose sono sufficienti, accidenti. Vengono ridotti anche i posti letto di Ostetricia, accreditando nello stesso tempo 70 posti letto all’Ostetricia della Casa di cura Santa Famiglia, già in capo al Fatebenefratelli, ora nel giro Fatebenefratelli,Tor Vergata.
E d’altra parte è il servizio pubblico laico che deve in qualche modo far fronte, spesso chiudendo, ai conti della Regione Lazio.
Sandro Petrolati, Francesco Medici e Bruno Schiavo, sindacalisti Anaao, con un grido dolente raccontano il saccheggio del San Camillo. “Abbiamo chiuso un ospedale, il Forlanini. Abbiamo chiuso reparti su reparti, siamo passati da 10 reparti di medicina a 1, in media abbiamo chiuso un reparto di medicina all’anno. Negli ultimi cinque anni abbiamo perso il 12% dei medici. Il San Camillo, con i tagli di personale e i posti letto di oggi e i tagli previsti in futuro non può continuare ad essere competitivo. Da noi si chiude ciò che remunera e si tiene aperto ciò che costa. Stiamo colmando il gap, è vero, con nuovi concorsi, ma il ritardo non è facilmente colmabile e il turn over sempre comunque in rosso”.
Ma oltre al Campus e al Gemelli a chi vanno i soldi visto che i servizi regionali laici non vedono che tagli? "Un altro palazzone di sei piani del Bambino Gesù in piena riserva naturale statale del litorale romano: la richiesta del Bambino Gesù."
Nel 2006 era già stato realizzato l’ampliamento del padiglione diabetario, nel 2012 un mega parcheggio illuminato di notte, quasi sempre vuoto, costruito sui resti di una villa romana certificata dal Ministero dei Beni culturali. Poi arriva richiesta di autorizzazione per una nuova struttura in legno lamellare e adesso quella per il nuovo palazzo di sei piani. Inammissibile per la Soprintendenza ma presente nel programma elettorale di Esterino Montino, così tanto per nominare un altro PD.
D’altra parte Zingaretti ha convenzionato nel 2018 quasi 200 posti letto (fra acuti, per riabilitazione e day hospital) al Bambin Gesù di Palidoro e Santa Marinella mentre le pediatrie laiche della Regione Lazio stanno alla canna del gas. Ma il Bambin Gesù è così fiducioso di ricevere ulteriori finanziamenti che annuncia la costruzione di un nuovo ospedale in via di Villa Pamphili a Roma. E intanto può vantare due milioni di prestazioni ambulatoriali nel 2017, anche qui alla faccia delle Case della salute che non si sa bene cosa facciano. Il Bambin Gesù lavora e la Regione paga. Mentre il pubblico, meno lavora e meglio è per il pareggio di bilancio. Figli e figliastri. E nel frattempo Zingaretti dichiara la sua vicinanza etica al Bambin Gesù. Chissà se ha capito che non abbiamo più nessuna diagnostica prenatale laica per mancanza di personale negli ospedali e che le donne con malformazioni fetali sono costrette ad andare al Bambin Gesù dove medici religiosi fanno il colloquio etico sull'aborto e dove si parla di hospice, di prossima apertura a Villa Luisa, che lui tanto ammira non capendo che viene costruito perché i bambini incompatibili con la vita dei quali loro hanno ostacolato l’aborto possano attendere agonizzando che un dio se li riprenda, perchè non possano essere condivise le cure terminali con i genitori perché dio non vuole. Evidentemente non aver potuto prendere il povero Charlie ancora gli brucia.
Ma ora aprono un nuovo Ospedale a via di Villa Pamphili !! Beati loro che hanno i soldi per lavorare....
Manca ancora qualcosa... ah sì: la Caritas ha fatto 71.000 prestazioni nell'anno 2012 e Zingaretti ha dichiarato che avrebbe aumentato i fondi e avrebbe allungato la convenzione, con grande soddisfazione di Monsignor Feroci.
E vogliamo parlare della nomina di una ginecologa obiettrice proveniente dal Policlinico Gemelli alla Direzione della maternità del San Camillo? Dopo il direttore della Maternità di Frosinone, quello di Latina, quello di Viterbo, quello del San Giovanni – tutti obiettori e provenienti dal Gemelli – dopo quello del Policlinico Casilino, più le maternità religiose del Gemelli, del Fatebenefratelli, di Villa San Pietro, vuoi non fare filotto?
E il concorso per medici non obiettori di cui il presidente tanto si vanta, direte voi? È servito a sanare due precari che lavoravano da 16 anni alla 194, e la terza lavora ora al Santo Spirito dove le interruzioni non si fanno più.
A proposito. Aspettiamo fiduciosi l’elenco delle prestazioni sociosanitarie in aumento nei Consultori Familiari, sempre più sguarniti di personale, sempre più vuoti di persone. È recente il divieto di svolgere l’assemblea delle donne nei Consultori della Asl Roma 2, sul quale stiamo ancora aspettando che si pronunci la capogruppo della Lista Zingaretti Marta Bonafoni.
D’altra parte lei è stata quella che dichiarava tredici milioni per i Consultori quando erano solo tre e destinati alla ristrutturazione dei locali.
D’altra parte Acqualuce, l’unica struttura pubblica gratuita per il parto in acqua, nel giardino dell'Ospedale GB Grassi a Ostia che Zingaretti ha chiuso è ancora chiusa, mentre sono state migliorate le condizioni per il parto a casa e in Casa di maternità delle libere professioniste. O i religiosi convenzionati o pagare. Dentro lo Stato più niente.
Per par condicio la prossima volta parleremo delle nuove tre sedi dell'Ospedale Israelitico nel Lazio e della relazione dei NAS che li riguardava.

Elisabetta Canitano
Demoatea di Roma e Coordinatrice nazionale di Potere al Popolo
Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Documenti
03-03-2019 - 15,89 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[stampa]] [facebook] [Twitter]
29-07-2021 - 218,22 KB - Verbali
[stampa]] [facebook] [Twitter]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
INFORMATIVA SITO WEB
SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

AI SENSI DEL REGOLAMENTO GENERALE SULLA PROTEZIONE DEI DATI

Grazie per dedicare qualche minuto alla consultazione di questa sezione del nostro sito Web.
La tua privacy è molto importante per il nostro partito politico Democrazia Atea (di seguito indicato con l’acronimo
DA) per tutelarla al meglio, ti forniamo queste note in cui troverai indicazioni sul tipo di informazioni raccolte online e
sulle varie possibilità che hai di intervenire nella raccolta e nell’utilizzo di tali informazioni nel sito.
Si tratta di un’informativa che è resa, anche ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 per la protezione dei dati
personali, a coloro che interagiscono con i servizi web. L’informativa è resa solo per il sito di nostra proprietà e non
anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Il Titolare del trattamento è il partito politico Democrazia Atea, con sede a Ceprano (FR) in Via Vittorio Alfieri, 80.
Il Titolare può essere contattato mediante email all’indirizzo info@democrazia-atea.it o a mezzo pec all’indirizzo
Esercente le funzioni di Titolare del trattamento è il Segretario Nazionale pro-tempore di DA, Carla Corsetti.

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI (DPO)

DA, ai sensi dell’articolo 37 del RGPD, ha proceduto ad individuare e nominare il Data Protection Officer (DPO), Sylvio
Verrecchia, contattabile all’indirizzo email sylvio.verrecchia@peritoinformatico.it o all’indirizzo pec

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi Web di questo sito hanno luogo presso la nostra sede operativa e sono curati dal
personale interno, incaricato del trattamento, che opera con la collaborazione di soggetti terzi designati Responsabili
esterni del trattamento. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che accedono ai servizi web presenti nelle aree interattive del sito (ad es. richieste di
invio di newsletter o richieste di adesione o richieste di informazioni), saranno utilizzati per le sole finalità
preventivamente indicate.

FINALITA’ DEL TRATTAMENTO

I dati personali da Lei (di seguito denominato Utente) liberamente e volontariamente comunicati a DA, quali nome, cognome, email ed eventualmente indirizzo e recapito telefonico, oltre ai dati particolari perché idonei a rivelare un’appartenenza politica, sono necessari per gli adempimenti previsti per legge e sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta:

1.per la richiesta di adesione al partito politico Democrazia Atea;
2.per l’invio della newsletter;
3.per l’invio di comunicazioni relative all’attività svolta da DA
(le iniziative che il partito intraprende o a cui partecipa, quali convegni, congressi, assemblee, manifestazioni pubbliche e dibattiti);
4.per raccolta fondi;
5.per l’invio della tessera, di gadget e pubblicazioni, di materiale informativo, promozionale ed elettorale.

I dati personali potranno essere trattati a mezzo sia di archivi cartacei che informatici, protette adeguatamente e trattati con modalità strettamente necessarie a far fronte alle finalità sopra indicate.

BASE GIURIDICA - CATEGORIE PARTICOLARI DI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 9 del GDPR 2016/679, Lei potrebbe conferire a Democrazia Atea dati qualificabili come “categorie particolari di dati personali” e cioè quei dati che rivelano “l'origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l'appartenenza sindacale, nonché dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona”.

Il fondamento giuridico del trattamento risiede nell’art. 9, par. 2 del GDPR 2016/679:
1-l'interessato ha prestato il proprio consenso esplicito al trattamento di tali dati personali per una o più finalità specifiche;
2-il trattamento è effettuato, nell'ambito delle sue legittime attività e con adeguate garanzie, da una fondazione, associazione o altro organismo senza scopo di lucro che persegua finalità politiche, filosofiche, religiose o sindacali, a condizione che il trattamento riguardi unicamente i membri, gli ex membri o le persone che hanno regolari contatti con la fondazione, l'associazione o l'organismo a motivo delle sue finalità e che i dati personali non siano comunicati all'esterno senza il consenso dell'interessato.




MODALITA’ DI TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE

Il trattamento sarà svolto in forma automatizzata e/o manuale, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 32 del GDPR 2016/679 in materia di misure di sicurezza, per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Il trattamento sarà svolto ad opera di soggetti appositamente incaricati e in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 29 GDPR 2016/ 679. Segnaliamo che, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 GDPR 2016/679, i dati personali saranno conservati per il periodo di tempo strettamente necessario per il conseguimento delle finalità per le quali sono raccolti e trattati.

TRASFERIMENTO DATI
La gestione e la conservazione dei dati personali avverrà su server ubicati all’interno dell’Unione Europea del Titolare e/o di società terze incaricate e debitamente nominate quali Responsabili del trattamento. Attualmente il server web è situato in Germania. I dati non saranno oggetto di trasferimento al di fuori dell’Unione Europea.


TIPI DI DATI TRATTATI

DATI DI NAVIGAZIONE


Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito Web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito solo su richiesta degli organi di vigilanza preposti.

DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE DALL’UTENTE

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta informazione, moduli di contatto o comunque indicati via mail per sollecitare l’invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

PARTE RISERVATA PER I MINORENNI

Nessuna persona di età inferiore ai 18 anni, senza previo consenso dei genitori o di chi ne fa le veci, potrà inviare informazioni a questo sito Web, ne tantomeno potrà fare acquisti o perfezionare atti legali presso questo sito senza il suddetto consenso, a meno che ciò non sia consentito dalle norme in vigore.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di esercitare, ai sensi degli articoli dal 15 al 22 del Regolamento UE n. 2016/679, il diritto di:
1. chiedere la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali;
2. ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati personali, i destinatari o le
categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati e, quando possibile, il periodo di conservazione;
3. ottenere la rettifica e la cancellazione dei dati;
4. ottenere la limitazione del trattamento;
5. ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, e trasmetterli ad un altro titolare del trattamento senza
impedimenti;
6. opporsi al trattamento in qualsiasi momento ed anche nel caso di trattamento per finalità di marketing
diretto;
7. opporsi ad un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione.
8. chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
9. revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
10. proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell’Autorità: www.garanteprivacy.it.
Chiunque dovesse avere dubbi riguardanti il rispetto della politica per la tutela della privacy adottata da DA, la sua applicazione, l’accuratezza dei tuoi dati personali o l’utilizzo delle informazioni raccolte può contattarci al seguente indirizzo postale: Democrazia Atea – Ufficio Privacy – Via Vittorio Alfieri, 80 – 03024 Ceprano (FR), o tramite il seguente indirizzo mail: privacy@democrazia-atea.it .

Per facilitare l'esercizio dei diritti riconosciuti dal Regolamento UE 2016/679, l'interessato potrà scaricare il modulo al seguente link https://www.democrazia-atea.it/file/modelloeserciziodiritti_da.pdf, compilarlo ed inviarlo all’indirizzo mail privacy@democrazia-atea.it .



torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio