11 Dicembre 2019

Articoli
percorso: Home > Articoli > Redazione DA

La realtà

13-11-2019 20:40 - Redazione DA
Garibaldi trattò con la mafia da subito.
Con i mafiosi di Marsala e i camorristi di Napoli, intavolò trattative determinanti per la riuscita della sua impresa.
Mussolini ritenne che la mafia fosse un semplice fenomeno criminale e trascurò che fosse anche culturale, sicché con la repressione spinse i mafiosi a nascondersi per un po', giusto il tempo necessario a far credere che la mafia era stata debellata.
Non c’è voluto molto tempo prima di prendere atto che era una panzana propagandistica come tutte le altre e che la mafia l’aveva semplicemente confinata in “pausa di riflessione”.
Gli alleati, prima di sbarcare in Sicilia, presero contatti con i mafiosi e dopo aver ricevuto appoggi e preziose informazioni, ricompensarono i mafiosi assegnando loro cariche politiche e amministrative.
In tempi più recenti la connivenza tra potere politico e potere mafioso è diventata sodalizio vincente.
Da Salvo Lima a Totò Cuffaro la storia si è dipanata senza soluzione di continuità, e tutti ne erano consapevoli.
Ha un anno la sentenza del processo sulla trattativa, nella quale si condannarono, tra gli altri, tre vertici dell’Arma dei Carabinieri e un ex senatore della Repubblica italiana, nonché fondatore di uno dei partiti presenti in Parlamento.
Si lesse, da più parti, che la sentenza pronunciata dalla Corte d’Assise di Palermo era una sentenza storica.
Verrebbe da chiedersi perché fu considerata tale.
Non era la prima volta che una sentenza “certifica” che il potere italiano ha collusioni estese con le organizzazioni criminali.
Né è la prima volta che vengono condannati uomini politici e uomini dello Stato.
Andreotti forse è stato il primo Presidente del Consiglio “amico” della mafia ma Berlusconi non sarà l’ultimo, altri saranno espressi con lo stesso criterio.
La sentenza non garantisce (né potrebbe) che altre trattative non ci saranno.
La funzione repressiva, di per sé, non eradica il fenomeno.
L’aggettivo “storico” indica un evento eccezionale volto a modificare il corso degli accadimenti futuri.
Quella condanna, invece, non modificherà nulla.
Come spesso accade in questo paese tutti scesero dal pero, fingendo di essere vissuti in un mondo illusorio e di essere entrati all’improvviso a contatto con la realtà.
Assemblea Nazionale della Sinistra d'Opposizione - Carla Corsetti

Michela Murgia elogia Carla Corsetti

Radio Radicale - Michela Murgia
La scrittrice e saggista commentando l'articolo pubblicato su Left, in merito agli infermieri parrocchiali, condivide i dubbi di Carla Corsetti sulle reali finalità.

Iscriviti a DA

[]
Aderisci al progetto di Democrazia Atea e partecipa alle nostre iniziative.

Comunicato della segreteria

[]
Democrazia Atea ha come obiettivo prioritario difendere e attuare il principio di laicità.
La linea politica da sempre adottata, si è caratterizzata e indirizzata in direzione del contrasto alla politica clericale, responsabile del degrado umano nella società italiana.

Il testimone

[]
Gli auguri di buon compleanno e un appuntamento a rivederci a fine mese, questa la nostra ultima conversazione.

Regala un libro

[]
I libri di Carla Corsetti
I diritti d’autore sono devoluti a Democrazia Atea.
Puoi ordinarli on line senza spese di spedizione oppure nelle librerie.

194

[]
"Caro ragazzo, per affermare che l'aborto è un omicidio significa che aderisci a quella teoria fondamentalista che ritiene che la vita si formi sin dal concepimento."

Petizioni

[]
Le petizioni hanno la funzione di sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche che, il più delle volte, non agganciano il consenso elettorale ma che inducono alla riflessione e aumentano il senso critico degli individui.

Documenti

03-03-2019 - 16,58 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]

Campagna informativa

[]

Left

[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left

Realizzazione siti web www.sitoper.it