07 Maggio 2021
visibility
Articoli

IL PAPELLO DI COLAO NELLA TRATTATIVA STATO-LOBBY

15-06-2020 09:42 - Carla Corsetti
La destra generalmente ha una incapacità progettuale pari alla capacità predatoria.
La destra non è in grado di pensare al futuro, non è in grado di avere una progettualità che vada oltre l’accaparramento delle risorse attuali. La destra è saccheggio, è sfruttamento, è caporalato, è razzismo, è classismo.
La destra dà un senso all’estinzione dell’umanità.
Ma prima che accada dobbiamo sopravvivere alla loro avidità.
La pandemia è stata gestita a livello centrale dalla destra di maggioranza formata da PD e M5S ma, a livello locale, anche dalla destra di minoranza formata da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.
Gli esponenti politici delle destre hanno capacità insufficienti per gestire il covid di un canile, figuriamoci una pandemia che attanaglia l’intera nazione.
35.000 morti sono un bilancio vergognoso per maggioranza e minoranza, e la distruzione dell’economia non poteva trovare attori peggiori.
Il Consiglio dei Ministri presieduto da Conte è incapace di attuare una politica nazionale, non è all’altezza del compito, è costituito da una manica di incapaci che non si vergognano nemmeno di rendere nota la loro inadeguatezza al punto da chiamare in soccorso personaggi esterni per costituire Task Forces.
Gli inglesismi, letti dall’esterno, danno un’aurea di grandiosità, ma le Task Force in realtà certificano la esternalizzazione delle funzioni ministeriali per inidoneità manifesta.
Il Presidente del Consiglio Conte (che tutti si ostinano a chiamare premier per abuso di inglesismo idiota) nella incapacità personale e nella incapacità dei suoi Ministri di uscire dalla melma nella quale si sono impantanati, ha dunque chiamato mr. Colao a capeggiare una Task Force; il quale ha accettato, senza alcun compenso diretto, di redigere un piano che metta in salvo tutti gli amichetti del capitalismo neoliberista, ma che lasci scivolare nella povertà anche chi finora era riuscito a rimanere a galla.
Questo buontempone, insieme ad un parterre di figuranti secondari, messi lì per fare numero, ha redatto 121 cartelle con 102 obiettivi, uno più farlocco dell’altro nelle indicazioni nominali, ma decisamente criminale nelle finalità sottese, sapendo che la maggior parte delle forze politiche avrebbe taciuto, giustificando e sposandone le descrizioni di facciata, pur di partecipare al banchetto spartitorio che quel piano ha prospettato nella sua interpretazione autentica.
Insomma un papello posto alla base della trattativa Stato-lobby, per dividersi 173 miliardi di prestiti.
Quando le generazioni future dovranno restituirlo, saranno costrette a svendere la Fontana di Trevi e il Colosseo, se saranno ancora in mano pubblica.
Dall’inglesismo sono passati ad un francesismo e il convegno di presentazione del papello lo hanno chiamato “Gli Stati Generali”, mutuandolo dall’Assemblea elettiva che fu riunita in Francia nel maggio del 1789, prima dello scoppio della Rivoluzione.
Forse Conte, ma anche Colao, dimenticano che tre anni dopo l’indizione di quella Assemblea – che non risolse la crisi economica francese – il Re di Francia fu ghigliottinato insieme a molte altre persone.
Dunque evocare gli Stati Generali non è proprio una ideona.
Tralasciamo di rilevare come il papello sia deficitario su alcuni punti chiave come il divario tra nord e sud, l’agricoltura, la scuola, il lavoro o la sanità. Ma non si può non rilevare come il piano Colao sia privo di una visione politica generale che tenga conto delle cause che hanno portato allo stato attuale, perché l’obiettivo reale è quello di mantenere intatte le cause e avvitarsi in soluzioni che, senza rimuoverle, peggioreranno le condizioni di chi ne ha subito gli effetti.
A ben vedere, l’obiettivo del papello è proprio quello di tacere sulle responsabilità della crisi fino al punto di premiare e rafforzare la posizione di chi ne è la causa.
In sintesi è un piano criminale.
Nel merito, le soluzioni prospettate sembrano appiccicate con lo sputo su un tessuto economico sfaldato e la prospettiva dichiarata di risanamento ha già tutti gli ingredienti del fallimento.
Gli amministratori di sostegno dei Ministri hanno individuato 19 aree tematiche sulle quali ipotizzare le loro ricette di salvataggio dei loro amichetti, perché quando questa gente parla di economia, mentre tutti la intendono in riferimento alle risorse pubbliche per l’interesse generale, loro la intendono in riferimento ai patrimoni privati per l’interesse di pochi.
Al primo punto si sono preoccupati di salvare dalle responsabilità penali tutti i loro amichetti che sul posto di lavoro non solo non hanno adottato misure di sicurezza in relazione alla pandemia, ma erano già colpevoli di non aver attuato nemmeno quel minimo di tutele di protezione dagli usuali rischi biologici che per talune categorie prevedono finanche indennità stipendiali dagli anni ’90.
Al secondo punto hanno prospettato “un’opzione migliorativa sia della produttività sia delle condizioni lavorative” dello smart working (altro inglesismo, altra fregatura) senza preoccuparsi di valutare quali ricadute abbia nella vita dei lavoratori, e come l’assenza di vincoli orari e spaziali si traduca in maggiore sfruttamento non solo delle persone ma anche della appropriazione indiretta degli spazi privati dei lavoratori e soprattutto delle lavoratrici.
Parlano di adozione di codice etico, come se l’imprenditoria cialtrona italiana, che trova sempre il modo di smarcarsi dal codice penale, si potrà lasciare impressionare da un codice etico.
Sospendere o differire i termini di pagamento delle imposte, per tutte le attività che hanno subito la chiusura, è ragionevole, ma questo non dovrebbe valere per tutte le imprese della Lombardia, ad esempio, che hanno imposto alle autorità di non bloccare la loro produzione, rendendosi responsabili della diffusione del contagio.
Eppure per loro non si farà differenza e usufruiranno delle stesse agevolazioni.
Si è prevista la rinegoziazione delle locazioni commerciali, mentre gli studenti universitari fuori sede, o le famiglie in fragilità economica, non sono menzionati.
L’assalto alla diligenza è stato prospettato al punto 3 quando si è ipotizzato di sospendere i vincoli del Testo Unico delle società a partecipazione pubblica, ovvero società a capitale privato con una percentuale di capitale pubblico, quel tanto che basta per scaricare sul pubblico ciò che non va e tenere al privato i benefici.
Non mancano gli incentivi e i sostegni alle imprese, in tutte le salse, proposti sotto ogni forma possibile, finanche premiante per i datori di lavoro in nero e per quelli che continuano a creare fondi neri all’estero.
Non poteva mancare un titolo speciale a favore del Terzo Settore, dove gli enti religiosi sguazzano perché gli è stato costruito su misura un modo di fare profitto senza essere vincolati ai regimi fiscali previsti per le imprese.
La sburocratizzazione è un altro passaggio inserito nel papello, da sempre cavallo di battaglia della imprenditoria cialtrona, per la quale ogni vincolo posto a tutela delle persone che lavorano o a tutela dell’ambiente, viene bollato come inutile burocrazia.
Fibra, cablaggio e infine 5G, tutti al traguardo senza passare dal via, mentre l’agricoltura, assente da qualsiasi forma di pianificazione, viene menzionata solo per dire che sarà il caso di incentivare il riutilizzo di acque reflue, poi ci andrà personalmente Colao a monitorare il tasso di inquinamento nelle fasi di riciclo delle acque.
Rimanendo in tema di acque, nel papello si prevede che le lobby della gestione idrica possano e debbano agire verso “le aggregazioni”, ma l’aspetto criminogeno sta nella prospettiva di “Rafforzare i meccanismi di riscossione dei crediti di tutta la filiera idrica”, come se non bastasse l’aumento tariffario attuato al di fuori di ogni controllo e il distacco delle utenze anche in situazioni di grave fragilità sociale.
L’elenco è ancora lungo, e la critica non si esaurisce né qui né ora.
Riepilogando.
Il crimine non deve essere inteso nell’unica accezione che lo riconduce a violazione di norme imperative di diritto penale.
C’è un altro significato del crimine, ed è la violazione di norme elementari di rispetto e tutela del prossimo, è la violazione di criteri economici di equità e solidarietà, è la violazione dei diritti umani fondamentali.
Il papello è un concentrato di regole sociali e diritti umani calpestati.
A buon diritto i suoi autori e i suoi esecutori possono essere perciò definiti come criminali, mentre chi li sostiene politicamente è complice.

Eventi
09-05-2021 - eventi
[]
[facebook] [Twitter] [WhatsApp]
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Nessun profitto sulla pandemia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
Regala un libro
[]
I libri di Carla Corsetti
I diritti d’autore sono devoluti a Democrazia Atea.
Puoi ordinarli on line senza spese di spedizione oppure nelle librerie.
Left
[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left
Campagna informativa
[]
Il testimone
[]
Gli auguri di buon compleanno e un appuntamento a rivederci a fine mese, questa la nostra ultima conversazione.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
194
[]
"Caro ragazzo, per affermare che l'aborto è un omicidio significa che aderisci a quella teoria fondamentalista che ritiene che la vita si formi sin dal concepimento."
[]
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Documenti
03-03-2019 - 16,58 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[stampa]] [facebook] [Twitter]
Area privata
area video
[immagine di anteprima del video: Abbazia di Trisulti]
Categoria generica
invia ad un amico [stampa]] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]
[immagine di anteprima del video: 27 ottobre 2018 Reggio Calabria: Carla Corsetti assemblea...]
Categoria generica
invia ad un amico [stampa]] [facebook] [Twitter] [WhatsApp]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
INFORMATIVA SITO WEB
SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

AI SENSI DEL REGOLAMENTO GENERALE SULLA PROTEZIONE DEI DATI

Grazie per dedicare qualche minuto alla consultazione di questa sezione del nostro sito Web.
La tua privacy è molto importante per il nostro partito politico Democrazia Atea (di seguito indicato con l’acronimo
DA) per tutelarla al meglio, ti forniamo queste note in cui troverai indicazioni sul tipo di informazioni raccolte online e
sulle varie possibilità che hai di intervenire nella raccolta e nell’utilizzo di tali informazioni nel sito.
Si tratta di un’informativa che è resa, anche ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 per la protezione dei dati
personali, a coloro che interagiscono con i servizi web. L’informativa è resa solo per il sito di nostra proprietà e non
anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Il Titolare del trattamento è il partito politico Democrazia Atea, con sede a Ceprano (FR) in Via Vittorio Alfieri, 80.
Il Titolare può essere contattato mediante email all’indirizzo info@democrazia-atea.it o a mezzo pec all’indirizzo
Esercente le funzioni di Titolare del trattamento è il Segretario Nazionale pro-tempore di DA, Carla Corsetti.

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI (DPO)

DA, ai sensi dell’articolo 37 del RGPD, ha proceduto ad individuare e nominare il Data Protection Officer (DPO), Sylvio
Verrecchia, contattabile all’indirizzo email sylvio.verrecchia@peritoinformatico.it o all’indirizzo pec

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi Web di questo sito hanno luogo presso la nostra sede operativa e sono curati dal
personale interno, incaricato del trattamento, che opera con la collaborazione di soggetti terzi designati Responsabili
esterni del trattamento. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che accedono ai servizi web presenti nelle aree interattive del sito (ad es. richieste di
invio di newsletter o richieste di adesione o richieste di informazioni), saranno utilizzati per le sole finalità
preventivamente indicate.

FINALITA’ DEL TRATTAMENTO

I dati personali da Lei (di seguito denominato Utente) liberamente e volontariamente comunicati a DA, quali nome, cognome, email ed eventualmente indirizzo e recapito telefonico, oltre ai dati particolari perché idonei a rivelare un’appartenenza politica, sono necessari per gli adempimenti previsti per legge e sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta:

1.per la richiesta di adesione al partito politico Democrazia Atea;
2.per l’invio della newsletter;
3.per l’invio di comunicazioni relative all’attività svolta da DA
(le iniziative che il partito intraprende o a cui partecipa, quali convegni, congressi, assemblee, manifestazioni pubbliche e dibattiti);
4.per raccolta fondi;
5.per l’invio della tessera, di gadget e pubblicazioni, di materiale informativo, promozionale ed elettorale.

I dati personali potranno essere trattati a mezzo sia di archivi cartacei che informatici, protette adeguatamente e trattati con modalità strettamente necessarie a far fronte alle finalità sopra indicate.

BASE GIURIDICA - CATEGORIE PARTICOLARI DI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 9 del GDPR 2016/679, Lei potrebbe conferire a Democrazia Atea dati qualificabili come “categorie particolari di dati personali” e cioè quei dati che rivelano “l'origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l'appartenenza sindacale, nonché dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona”.

Il fondamento giuridico del trattamento risiede nell’art. 9, par. 2 del GDPR 2016/679:
1-l'interessato ha prestato il proprio consenso esplicito al trattamento di tali dati personali per una o più finalità specifiche;
2-il trattamento è effettuato, nell'ambito delle sue legittime attività e con adeguate garanzie, da una fondazione, associazione o altro organismo senza scopo di lucro che persegua finalità politiche, filosofiche, religiose o sindacali, a condizione che il trattamento riguardi unicamente i membri, gli ex membri o le persone che hanno regolari contatti con la fondazione, l'associazione o l'organismo a motivo delle sue finalità e che i dati personali non siano comunicati all'esterno senza il consenso dell'interessato.




MODALITA’ DI TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE

Il trattamento sarà svolto in forma automatizzata e/o manuale, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 32 del GDPR 2016/679 in materia di misure di sicurezza, per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Il trattamento sarà svolto ad opera di soggetti appositamente incaricati e in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 29 GDPR 2016/ 679. Segnaliamo che, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 GDPR 2016/679, i dati personali saranno conservati per il periodo di tempo strettamente necessario per il conseguimento delle finalità per le quali sono raccolti e trattati.

TRASFERIMENTO DATI
La gestione e la conservazione dei dati personali avverrà su server ubicati all’interno dell’Unione Europea del Titolare e/o di società terze incaricate e debitamente nominate quali Responsabili del trattamento. Attualmente il server web è situato in Germania. I dati non saranno oggetto di trasferimento al di fuori dell’Unione Europea.


TIPI DI DATI TRATTATI

DATI DI NAVIGAZIONE


Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito Web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito solo su richiesta degli organi di vigilanza preposti.

DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE DALL’UTENTE

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta informazione, moduli di contatto o comunque indicati via mail per sollecitare l’invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

PARTE RISERVATA PER I MINORENNI

Nessuna persona di età inferiore ai 18 anni, senza previo consenso dei genitori o di chi ne fa le veci, potrà inviare informazioni a questo sito Web, ne tantomeno potrà fare acquisti o perfezionare atti legali presso questo sito senza il suddetto consenso, a meno che ciò non sia consentito dalle norme in vigore.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di esercitare, ai sensi degli articoli dal 15 al 22 del Regolamento UE n. 2016/679, il diritto di:
1. chiedere la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali;
2. ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati personali, i destinatari o le
categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati e, quando possibile, il periodo di conservazione;
3. ottenere la rettifica e la cancellazione dei dati;
4. ottenere la limitazione del trattamento;
5. ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, e trasmetterli ad un altro titolare del trattamento senza
impedimenti;
6. opporsi al trattamento in qualsiasi momento ed anche nel caso di trattamento per finalità di marketing
diretto;
7. opporsi ad un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione.
8. chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
9. revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
10. proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell’Autorità: www.garanteprivacy.it.
Chiunque dovesse avere dubbi riguardanti il rispetto della politica per la tutela della privacy adottata da DA, la sua applicazione, l’accuratezza dei tuoi dati personali o l’utilizzo delle informazioni raccolte può contattarci al seguente indirizzo postale: Democrazia Atea – Ufficio Privacy – Via Vittorio Alfieri, 80 – 03024 Ceprano (FR), o tramite il seguente indirizzo mail: privacy@democrazia-atea.it .

Per facilitare l'esercizio dei diritti riconosciuti dal Regolamento UE 2016/679, l'interessato potrà scaricare il modulo al seguente link https://www.democrazia-atea.it/file/modelloeserciziodiritti_da.pdf, compilarlo ed inviarlo all’indirizzo mail privacy@democrazia-atea.it .



torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio