30 Novembre 2022
Articoli

Colpevole

18-03-2020 09:02 - Carla Corsetti
Bertolaso, il prezzemolo delle calamità, è nuovamente riemerso con la pandemia.
Chiamato da Fontana, il Presidente della Regione Lombardia, a gestire l’emergenza sanitaria con la costruzione di un padiglione di terapia intensiva alla Fiera di Milano, oggi ha rilasciato una dichiarazione che conferma come certi sodalizi, intesi nel senso originario del termine, ovvero associazioni religiose, sono indissolubili, tanto più se fondati attorno al comune dio denaro.
Berlusconi ha regalato 10 milioni alla Regione Lombardia per contribuire alla costruzione dei posti di terapia intensiva e Bertolaso ha rilasciato una dichiarazione ammirata: “Silvio scende in campo e dimostra, ancora una volta, di amare la sua città e il suo Paese”.
Non si sono fatti attendere gli elogi scontati da parte degli esponenti di Forza Italia e della stampa di regime, ma anche delle persone comuni a cui, in un momento di così grave smarrimento, non si può pretendere memoria e lucidità.
I soldi hanno odore e quelli di Berlusconi puzzano, soprattutto in tema di sanità.
Berlusconi è artefice della distruzione del Servizio Sanitario Nazionale e in Lombardia lo ha distrutto più che altrove.
Uno dei luoghi simbolo della sanità milanese è il San Raffaele, costruito da un truffatore incallito, don Luigi Verzè, un pluripregiudicato in tonaca, con la copertura vaticana, che utilizzava metodi mafiosi e spudorate pratiche clientelari e corruttive.
E siccome i simili si attraggono, il San Raffaele fu costruito proprio dalla Edilnord di Berlusconi.
Don Verzè è l’incarnazione della distruzione della sanità pubblica lombarda e Berlusconi di quella nazionale oltre che lombarda, e le lodi di Bertolaso alla donazione per costruire in fretta un reparto di terapia intensiva, sono stomachevoli.
10 milioni di euro non cancellano il disastro che abbiamo sotto gli occhi, non cancellano quello che l’intera nazione sta vivendo per colpa della privatizzazione della sanità che ha avuto in Berlusconi il suo autore più colpevole da quando nel 2004 ha abolito il Fondo Sanitario Nazionale mettendo la nostra salute nelle mani degli speculatori.
10 milioni non bastano per porre rimedio ad una pandemia di cui Berlusconi non è certo responsabile, ma è di certo responsabile, con la complicità del PD e della Lega, della assenza di strutture ospedaliere con le quali avremmo potuto fronteggiare l’emergenza sanitaria senza distruggere interamente il nostro tessuto economico.
10 milioni non bastano per ripagarci dei danni irreparabili.
10 milioni non compreranno il nostro perdono.
visibility
generic image refresh

Nickname




Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
[]
La stampa polacca intervista Carla Corsetti.


Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Campagna informativa
[]
Left
[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie