27 Ottobre 2021
visibility
Articoli

SMANTELLAMENTO

18-02-2021 08:03 - Carla Corsetti
Il discorso di Mario Draghi è esattamente quello che ci si aspettava.
Non ha espresso contraddizioni, e nemmeno ha tentato di mistificare ciò che vuole realmente.
E' coerente con un obiettivo di smantellamento liberista che persegue da anni e che aveva ancora qualche finto e timido ostacolo parlamentare.
Ora non ha nemmeno quello perché ha piegato il Parlamento ad una subordinazione politicamente inquietante.
Draghi ha dato chiara lettura di come egli faccia parte di quella schiera di persone, rigorosamente uomini, che passano il giorno a muovere pedine con le quali determinano la sopravvivenza o la morte di altri uomini, mentre la notte la passano a compiacersi della propria indifferenza.
Ha formato un Governo nel quale tutti hanno rilevato l'assenza di donne, intese ovviamente come quote numeriche, e a ben vedere le donne che hanno accettato di fare parte della sua squadra sono maschiliste per adesione ideologica, perché hanno interiorizzato schemi di partecipazione sociale di matrice patriarcale, estranee ad una idea di emancipazione che è lontana anni luce dal femminismo, e per questo sono persino deleterie rispetto alla prospettiva di una politica antidiscriminatoria.
Alcuni passaggi del discorso di Draghi meritano di essere approfonditi perché sono aberranti, e per giunta veicolati con linguaggio pretigno, per cui sarà bene farne una esegesi esplicativa.
Ha definito “perimetro di collaborazione” quello che è un volgare mischione spartitorio, e non riuscirà a renderlo migliore dipingendolo con parole convenzionali di giustificazione, inventandosi finalità alte e nobili quando anche i più ingenui hanno capito che è un assalto alla diligenza.
Ha articolato un parallelismo con la situazione disastrosa dalla quale ci siamo risollevati dopo la seconda guerra mondiale, quando avevamo davanti le macerie del fascismo mussoliniano, ma oggi abbiamo le macerie del fascismo finanziario di cui lui è tra i più feroci artefici e la tragedia sta nel fatto che si propone come protagonista della ricostruzione di ciò che il suo vigliacco liberismo ha distrutto.
Quando ha ribadito la sudditanza all'Alleanza Atlantica ha voluto inviare un messaggio agli USA per tranquillizzarli sul fatto che non ridurremo la spesa militare che nel 2019 ha avuto persino un aumento, attestandosi su circa 27 miliardi di euro, ovvero 52mila euro al minuto, e non conosciamo ancora i dati del 2020 ma siamo tutti curiosi di sapere quanto abbiamo speso, in piena pandemia, in strumenti di morte e di aggressione.
Nel descrive le condizioni lavorative, il precariato e la perdita di lavoro, ha già detto che i prossimi a cadere saranno coloro che hanno contratti a tempo indeterminato; ha anche precisato che sin da ora possiamo dare la colpa alla pandemia, per allontanare la narrazione di una responsabilità attribuibile ad una classe dirigente ed imprenditoriale cialtrona.
Ha richiamato le stesse prospettive sanitarie già indicate dalla Commissione Europea e riprese nel Piano di ripresa e resilienza di Conte, e mai ha usato il termine Sanità Pubblica, figuriamoci Laica.
Draghi ha proposto di far diventare pilastri del sistema educativo gli istituti tecnici. Siccome nelle intenzioni padronali le nuove generazioni devono essere formate solo ed esclusivamente per essere schiavizzate dal sistema produttivo, non serve che abbiano una buona formazione liceale, è scontato che debbano essere formate in istituti tecnici nei quali è prevalente la finalità di insegnare mestieri e non quella di educare ad essere persone pensanti. La motivazione che ha dato Draghi è sconcertante: poiché il Recovery Fund prevede per gli istituti tecnici una fetta sostanziale (chissà perché…), sarebbe un peccato sprecarla. Una simile conclusione si commenta da sola.
“Sarebbe un errore proteggere tutte le attività economiche” dunque aspettiamoci una stagione di piccoli imprenditori e artigiani, autonomi e commercianti in prospettiva suicidaria perché per San Mario delle Banche non si può interferire con la sacra legge del mercato, che lascia indietro i piccoli per far maggiormente ingrassare i più grandi, con lo Stato che resta a guardare.
Penoso il richiamo a Bergoglio, ed è la conferma che per Draghi ambientalismo fa rima con capitalismo e la copertura etica della fuffa bergogliana rende il verde dell'ambiente della stessa tonalità del verde delle banconote.
Per avere i dati sulla povertà non ha richiamato i dati dell'ISTAT, ovvero i dati del nostro Istituto nazionale di statistica che è un ente pubblico, ma è andato a ripescare i dati della Caritas, una associazione vaticana che è diventata potentissima articolandosi nel principio dello sfruttamento della sussidiarietà, per trarre il massimo del profitto, con bilanci milionari sottratti a qualsiasi ipotesi di controllo quando riceve soldi pubblici.
In politica estera non ha trascurato di ricordare come l'Italia manterrà le sue politiche di protezione verso la Libia, il Mediterraneo Orientale e l'Africa, e non c'è chi non colga in questa nota una strizzata d'occhio all'ENI.
Si è preoccupato dei diritti umani in Russia e in Cina quando da noi i detenuti vengono torturati e massacrati dalle guardie carcerarie.
Draghi è un abile giocatore di scacchi e da tempo ha messo sotto scacco la democrazia italiana.
Ma non è ancora finita.
Draghi ha accettato di giocare da protagonista politico e non più come manovratore esterno.
Dicono degli scacchi che sia un gioco violento, il cui fine ultimo non sono le pedine sulla scacchiera ma l'annientamento della mente degli avversari, dicono che sia la sublimazione dell'eliminazione fisica dell'avversario.
Da buon giocatore di scacchi, dunque, dovrebbe sapere che avendo accettato di essere Presidente del Consiglio potrà accadere che prima o poi un giocatore qualsiasi, uno qualunque, imprevisto ed imprevedibile, per caso o per calcolo, potrà dargli scacco matto, e stia sereno, accadrà.

Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Riconquistiamo il diritto alla salute
[]
Promuovono: Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Sinistra Anticapitalista.
La stampa polacca parla di Democrazia Atea
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale
Documenti
03-03-2019 - 15,89 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[stampa]] [facebook] [Twitter]
29-07-2021 - 218,22 KB - Verbali
[stampa]] [facebook] [Twitter]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
INFORMATIVA SITO WEB
SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

AI SENSI DEL REGOLAMENTO GENERALE SULLA PROTEZIONE DEI DATI

Grazie per dedicare qualche minuto alla consultazione di questa sezione del nostro sito Web.
La tua privacy è molto importante per il nostro partito politico Democrazia Atea (di seguito indicato con l’acronimo
DA) per tutelarla al meglio, ti forniamo queste note in cui troverai indicazioni sul tipo di informazioni raccolte online e
sulle varie possibilità che hai di intervenire nella raccolta e nell’utilizzo di tali informazioni nel sito.
Si tratta di un’informativa che è resa, anche ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 per la protezione dei dati
personali, a coloro che interagiscono con i servizi web. L’informativa è resa solo per il sito di nostra proprietà e non
anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Il Titolare del trattamento è il partito politico Democrazia Atea, con sede a Ceprano (FR) in Via Vittorio Alfieri, 80.
Il Titolare può essere contattato mediante email all’indirizzo info@democrazia-atea.it o a mezzo pec all’indirizzo
Esercente le funzioni di Titolare del trattamento è il Segretario Nazionale pro-tempore di DA, Carla Corsetti.

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI (DPO)

DA, ai sensi dell’articolo 37 del RGPD, ha proceduto ad individuare e nominare il Data Protection Officer (DPO), Sylvio
Verrecchia, contattabile all’indirizzo email sylvio.verrecchia@peritoinformatico.it o all’indirizzo pec

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi Web di questo sito hanno luogo presso la nostra sede operativa e sono curati dal
personale interno, incaricato del trattamento, che opera con la collaborazione di soggetti terzi designati Responsabili
esterni del trattamento. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che accedono ai servizi web presenti nelle aree interattive del sito (ad es. richieste di
invio di newsletter o richieste di adesione o richieste di informazioni), saranno utilizzati per le sole finalità
preventivamente indicate.

FINALITA’ DEL TRATTAMENTO

I dati personali da Lei (di seguito denominato Utente) liberamente e volontariamente comunicati a DA, quali nome, cognome, email ed eventualmente indirizzo e recapito telefonico, oltre ai dati particolari perché idonei a rivelare un’appartenenza politica, sono necessari per gli adempimenti previsti per legge e sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta:

1.per la richiesta di adesione al partito politico Democrazia Atea;
2.per l’invio della newsletter;
3.per l’invio di comunicazioni relative all’attività svolta da DA
(le iniziative che il partito intraprende o a cui partecipa, quali convegni, congressi, assemblee, manifestazioni pubbliche e dibattiti);
4.per raccolta fondi;
5.per l’invio della tessera, di gadget e pubblicazioni, di materiale informativo, promozionale ed elettorale.

I dati personali potranno essere trattati a mezzo sia di archivi cartacei che informatici, protette adeguatamente e trattati con modalità strettamente necessarie a far fronte alle finalità sopra indicate.

BASE GIURIDICA - CATEGORIE PARTICOLARI DI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 9 del GDPR 2016/679, Lei potrebbe conferire a Democrazia Atea dati qualificabili come “categorie particolari di dati personali” e cioè quei dati che rivelano “l'origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l'appartenenza sindacale, nonché dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona”.

Il fondamento giuridico del trattamento risiede nell’art. 9, par. 2 del GDPR 2016/679:
1-l'interessato ha prestato il proprio consenso esplicito al trattamento di tali dati personali per una o più finalità specifiche;
2-il trattamento è effettuato, nell'ambito delle sue legittime attività e con adeguate garanzie, da una fondazione, associazione o altro organismo senza scopo di lucro che persegua finalità politiche, filosofiche, religiose o sindacali, a condizione che il trattamento riguardi unicamente i membri, gli ex membri o le persone che hanno regolari contatti con la fondazione, l'associazione o l'organismo a motivo delle sue finalità e che i dati personali non siano comunicati all'esterno senza il consenso dell'interessato.




MODALITA’ DI TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE

Il trattamento sarà svolto in forma automatizzata e/o manuale, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 32 del GDPR 2016/679 in materia di misure di sicurezza, per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Il trattamento sarà svolto ad opera di soggetti appositamente incaricati e in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 29 GDPR 2016/ 679. Segnaliamo che, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 GDPR 2016/679, i dati personali saranno conservati per il periodo di tempo strettamente necessario per il conseguimento delle finalità per le quali sono raccolti e trattati.

TRASFERIMENTO DATI
La gestione e la conservazione dei dati personali avverrà su server ubicati all’interno dell’Unione Europea del Titolare e/o di società terze incaricate e debitamente nominate quali Responsabili del trattamento. Attualmente il server web è situato in Germania. I dati non saranno oggetto di trasferimento al di fuori dell’Unione Europea.


TIPI DI DATI TRATTATI

DATI DI NAVIGAZIONE


Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito Web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito solo su richiesta degli organi di vigilanza preposti.

DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE DALL’UTENTE

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta informazione, moduli di contatto o comunque indicati via mail per sollecitare l’invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

PARTE RISERVATA PER I MINORENNI

Nessuna persona di età inferiore ai 18 anni, senza previo consenso dei genitori o di chi ne fa le veci, potrà inviare informazioni a questo sito Web, ne tantomeno potrà fare acquisti o perfezionare atti legali presso questo sito senza il suddetto consenso, a meno che ciò non sia consentito dalle norme in vigore.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di esercitare, ai sensi degli articoli dal 15 al 22 del Regolamento UE n. 2016/679, il diritto di:
1. chiedere la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali;
2. ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati personali, i destinatari o le
categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati e, quando possibile, il periodo di conservazione;
3. ottenere la rettifica e la cancellazione dei dati;
4. ottenere la limitazione del trattamento;
5. ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, e trasmetterli ad un altro titolare del trattamento senza
impedimenti;
6. opporsi al trattamento in qualsiasi momento ed anche nel caso di trattamento per finalità di marketing
diretto;
7. opporsi ad un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione.
8. chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
9. revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
10. proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell’Autorità: www.garanteprivacy.it.
Chiunque dovesse avere dubbi riguardanti il rispetto della politica per la tutela della privacy adottata da DA, la sua applicazione, l’accuratezza dei tuoi dati personali o l’utilizzo delle informazioni raccolte può contattarci al seguente indirizzo postale: Democrazia Atea – Ufficio Privacy – Via Vittorio Alfieri, 80 – 03024 Ceprano (FR), o tramite il seguente indirizzo mail: privacy@democrazia-atea.it .

Per facilitare l'esercizio dei diritti riconosciuti dal Regolamento UE 2016/679, l'interessato potrà scaricare il modulo al seguente link https://www.democrazia-atea.it/file/modelloeserciziodiritti_da.pdf, compilarlo ed inviarlo all’indirizzo mail privacy@democrazia-atea.it .



torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio