23 Aprile 2024
person
area privata
visibility
percorso: Home

obiettivo 58

Nel 1984 l’ONU ha adottato una Convenzione contro la tortura e i sistemi inumani e degradanti.

L’Italia ha ratificato la Convenzione nel 1988 e si è impegnata ad adeguare la propria legislazione penale interna nel senso imposto dalla Convenzione.

Nonostante l’Italia abbia preso questo impegno, dal 1989, il Parlamento italiano ha legiferato in modo insufficiente e farsesco.

Un atto qualificabile come tortura, secondo la legge approvata di recente, per sussistere “deve essere stato compiuto con crudeltà e mediante più condotte e deve provocare un verificabile trauma psichico”.

Questo semplice inciso rende inutile la legge.

I trattamenti inumani e degradanti, commessi dalle forze dell'ordine non sono tollerabili in uno stato di diritto.

E ciò vale anche per i trattamenti vessatori commessi su persone in stato di detenzione.
Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh

cookie