20 Luglio 2024
person
area privata
visibility
Articoli

MELONIGIRLS E MELONIBOYS

29-06-2024 15:49 - Carla Corsetti
Meloni per qualche ora ha dimenticato di essere Presidente del Consiglio ed è tornata a fare l’amministratrice del condominio delle sue fratelle e dei suoi fratelli per far finta di prenderne le distanze dopo che la loro vera natura era stata disvelata pubblicamente da un’inchiesta giornalistica.
Ha recitato la pantomima di chi prende le distanze da certi “atteggiamenti” quando in realtà ha condiviso quell’l’humus politico che ha abbracciato in tutta la sua scalata al potere.
Si è adirata in riferimento al fatto che le melonigirls e i meloniboys siano stati filmati a loro insaputa e non si comprende perché dal momento che quell’inchiesta giornalistica ha rivelato l’ovvio ovvero che i “valori” prevalenti in quei giovani sono il razzismo, il fascismo, il nazismo e quanto di più schifoso può albergare nella loro devianza.
Tra i “valori” di questa gente serpeggia l’autoritarismo, la repressione e la vigliaccheria, tutte “qualità” complessivamente intese come propensione politica a soffocare i deboli e i diritti delle minoranze, per far prevaricare i privilegi dei ricchi.
Un giovane o una giovane che dichiara di appartenere a Fratelli d’Italia nella maggior parte dei casi cela un animo marcio che nasconde anche a sé stesso, e attraverso l’adesione a questa devianza politica tenta di superare frustrazioni personali, emarginazione sociale e senso di inferiorità.
Quanto a Meloni è finanche incapace di comprendere cosa sia un’inchiesta giornalistica e si sente lesa solo perché dei giornalisti si sono introdotti tra le fila dei giovani di Fratelli d’Italia, destinatari del suo personale orgoglio.
I giovani di sinistra, del resto, i loro valori li professano ad alta voce perché sono valori di uguaglianza, solidarietà, giustizia sociale, e una inchiesta giornalistica in anonimato che vada a scavare tra le fila di giovani che professano l’uguaglianza sarebbe di per sé un assurdo logico.
Né può considerarsi un assurdo logico o storico sapere che oggi alcuni ebrei militino in quel partito, e ciò da quando ebraismo e sionismo sono stati artatamente sovrapposti per inibire l’antisionismo, che è politicamente legittimo, spacciandolo per antisemitismo, che è invece umanamente aberrante.
La parlamentare ebrea Ester Mieli che milita in Fratelli d’Italia e che è stata bersagliata di invettive da parte delle melonigirls e dei meloniboys, in effetti ha sempre dichiarato pubblicamente di temere i giovani di sinistra e non i giovani del suo partito, e questo dà la misura di quanto questa donna sia in grado di comprendere in quale alveo politico stia militando.
Torna alla memoria Roosevelt il quale appellò i giornalisti che descrivevano gli ambienti politici americani più degradati, con un termine significativo: "muckrackers" che tradotto significa “scavatori nel letame”.
Il letame, appunto.
















Tutte le reazioni:
4Ciro Verrati e altri 3



Commenti: 1

Condivisioni: 2





Mi piace







Commenta





Invia





Condividi








Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh

cookie