13 Luglio 2020
Comunicato della segreteria - 11.06.2020
percorso: Home

#IOPRETENDO

Il diritto alla salute è un diritto umano fondamentale, è il diritto di ogni persona a godere delle migliori condizioni di salute fisica e mentale.
Nella Costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) del 1946 è stato definito come “uno stato complessivo di benessere fisico, mentale e sociale, e non la mera assenza di malattie o infermità”.
La Costituzione italiana riconosce il diritto alla salute all’art.32: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo ed interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.”
Con la tutela della salute, come per l’istruzione, lo Stato assume una funzione sociale, ovvero assume un dovere nei confronti dei singoli e della collettività, di predisporre strutture attraverso le quali il diritto alla salute possa essere garantito.
In attuazione del precetto costituzionale, nel 1978 è stato istituito il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) con la Legge 833/1978 che all’articolo 1 ne definiva i princìpi: “Il servizio sanitario nazionale è costituito dal complesso delle funzioni, delle strutture, dei servizi e delle attività destinati alla promozione, al mantenimento ed al recupero della salute fisica e psichica di tutta la popolazione senza distinzione di condizioni individuali o sociali e secondo modalità che assicurino l'eguaglianza dei cittadini nei confronti del servizio. L'attuazione del servizio sanitario nazionale compete allo Stato, alle regioni e agli enti locali territoriali, garantendo la partecipazione dei cittadini.”
Nel 1992 si è dato inizio al progressivo smantellamento del Servizio Sanitario Nazionale: è iniziato il processo di mercificazione della salute, il SSN è stato riorganizzato e le Unità Sanitarie Locali sono divenute ASL (Aziende Sanitarie Locali), ovvero enti a cui è stata attribuita autonomia imprenditoriale.
Il passo successivo è stato quello di sostenere il principio di pluralità rispetto ai soggetti privati, al fine di consentirgli di operare nella sanità, fino ad arrivare alla situazione odierna che registra il paradosso della preminenza della gestione privata a scapito della gestione pubblica.
La mercificazione della sanità, nucleo centrale della privatizzazione, è stata, di fatto, la negazione del diritto alla salute.
La popolazione è stata indotta a credere che la spesa sanitaria pubblica non fosse un investimento, ma fosse un costo e in questa prospettiva la classe politica è riuscita a giustificare, senza clamore, tagli e riduzioni nel pubblico, indirizzando fiumi di denaro verso il privato.
Il Servizio Sanitario Nazionale, che nelle proprie finalità normative poneva come obiettivo centrale il benessere della persona, è stato sostituito dal Sistema Sanitario Nazionale, che nelle proprie finalità pone, invece, la mercificazione dello stato di salute.
Il Covid-19 ha disvelato lo stato di sgretolamento del Servizio Sanitario Nazionale e la incapacità di assorbire l’onda d’urto di una pandemia che, per quanto imprevedibile, ha avuto conseguenze ancora più letali a causa dell’impoverimento delle strutture ospedaliere e territoriali pubbliche.
Di contro le strutture private si sono ingrassate talmente tanto da arrivare alla quotazione in borsa, con bilanci annuali milionari.
In sintesi: la malattia per il privato è diventata un affare da potenziare, mentre la salute per il pubblico è diventata un costo da ridurre: non occorre un particolare sforzo creativo per dedurre che qualcosa non funziona e che è arrivato il momento di invertire i percorsi.
La Corte dei Conti nel Rapporto del 2020 sul coordinamento della finanza pubblica, ha reso un quadro impietoso dello stato in cui versa la sanità e nel contempo ha dato chiare ed inequivoche indicazioni su ciò che deve essere modificato: «La crisi (sanitaria ndr) ha messo in luce anche, e soprattutto, i rischi insiti nel ritardo con cui ci si è mossi per rafforzare le strutture territoriali a fronte del forte sforzo operato per il recupero di più elevati livelli di efficienza e di appropriatezza nell’utilizzo delle strutture di ricovero. Se aveva sicuramente una sua giustificazione a tutela della salute dei cittadini la concentrazione delle cure ospedaliere in grandi strutture specializzate riducendo quelle minori che per numero di casi e per disponibilità di tecnologie, non garantivano adeguati risultati di cura, la mancanza di un efficace sistema di assistenza sul territorio ha lasciato la popolazione senza protezioni adeguate. Se fino ad ora tali carenze si erano scaricate non senza problemi sulle famiglie, contando sulle risorse economiche private e su una assistenza spesso basata su manodopera con bassa qualificazione sociosanitaria (badanti), finendo per incidere sul particolare individuale, tale carenza ha finito per rappresentare una debolezza anche dal punto di vista della difesa complessiva del sistema quando si è presentata una sfida nuova e sconosciuta.
È infatti sempre più evidente che una adeguata rete di assistenza sul territorio non è solo una questione di civiltà a fronte delle difficoltà del singolo e delle persone con disabilità e cronicità, ma rappresenta l’unico strumento di difesa per affrontare e contenere con rapidità fenomeni come quello che stiamo combattendo. L’insufficienza delle risorse destinate al territorio ha reso più tardivo e ha fatto trovare disarmato il primo fronte che doveva potersi opporre al dilagare della malattia e che si è trovato esso stesso coinvolto nelle difficoltà della popolazione, pagando un prezzo in termini di vite molto alto».
Oltre 35 mila morti sono la risultante di ciò che la Corte dei Conti condanna.
È il bilancio conseguente ad una gestione che dovrà scontare finanche responsabilità penali.
Sintetizzare le cause di questa strage è un passaggio doveroso per ricostruire le responsabilità politiche, ma anche individuali, di chi ha contribuito a determinare questo scempio.
La pandemia ha reso chiaro, ad esempio, che l’Autonomia Differenziata, intesa come nuova forma di autonomia potestativa regionale che molte Regioni inseguono da tempo, in relazione alla sanità, ove dovesse ripresentarsi un’altra pandemia o dovesse avere una recrudescenza il covid-19, non sarebbe semplicemente una scelta inopportuna, ma sarebbe elemento costitutivo di una pianificazione stragista.
La sanità, insieme all’istruzione, è inserita nel Titolo II della Costituzione, nei Rapporti etico sociali, quelli che più di altri hanno scontato l’ingordigia della casta clericale.
La privatizzazione della sanità ha avuto nel clero un attore privilegiato.
Il clero si è attivato ad ogni livello, dal parroco di paese al cardinale, nella direzione predatoria della sanità pubblica, sicché quando la domanda nel pubblico è rimasta intenzionalmente inevasa, è stata intercettata proprio dal privato, prevalentemente cattolico, ma solo per quegli aspetti dai quali era possibile avere la garanzia della maggiore resa in termini di profitto, perché le prestazioni sanitarie più onerose e con maggiori costi, non sono entrate massivamente nei circuiti privatizzati, come ad esempio, la terapia intensiva.
La sanità cattolica va da sé che non si è mai declinata nel rispetto dei diritti umani, interferendo pesantemente sui diritti sessuali e riproduttivi, imponendo nelle strutture convenzionate e/o accreditate, di stampo cattolico, i propri codici medievali di negazione dell’autodeterminazione femminile.
La sanità privata cattolica di fronte alla pandemia, non è riuscita a mascherare la sua natura predatoria, sicché i contagi del personale sanitario cui sono stati negati i dispositivi di protezione, o i contagi tra i degenti cui non sono stati applicati i protocolli epidemiologici, hanno dato la cifra di quanto per costoro la reale finalità non sia mai stata la salute degli individui, quanto lo sfruttamento delle persone.
La probabilità che saremo colpiti da una seconda ondata del virus, negli ambienti medici e scientifici, è valutata concretamente e il rischio che il contagio possa falciare altre migliaia di persone, è realistico.
Le conclusioni sono ovvie a trarsi.
La salute non è compatibile con il profitto.
La regionalizzazione della sanità e la prospettiva di trovarsi di fronte a 20 norme regionali differenti, va risolta immediatamente con la centralizzazione del Servizio Sanitario Nazionale universale e laico.
Si pretenda che le strutture sanitarie private, a partire da quelle cattoliche, siano nazionalizzate e il personale sia assunto dallo Stato.
Il rispetto dei 35 mila morti passa attraverso azioni politiche che impediscano il ripetersi di questo scenario.
Diversamente, il perpetuarsi della gestione esistente, non potrà che essere qualificata come consapevole omertà e complicità.

Eventi

RICONQUISTIAMO IL DIRITTO ALLA SALUTE!

01-07-2020 / 31-12-2020 - eventi
[]
[facebook] [Twitter] [WhatsApp]

L'OSPEDALE BAMBINO GESÙ E' UN EVASORE TOTALE?

10-07-2020 / 31-12-2020 - eventi
[]
dove: PETIZIONE ON LINE


Al Presidente del Consiglio dei Ministri - Prof. Giuseppe Conte

Al Ministro dell'Economia e delle Finanze – Dott. Roberto Gualtieri

Al Ministro della Salute – Dot...
[facebook] [Twitter] [WhatsApp]

Comunicato della segreteria - 11.06.2020

[]
#IOPRETENDO

Il diritto alla salute è un diritto umano fondamentale, è il diritto di ogni persona a godere delle migliori condizioni di salute fisica e mentale. Nella Costituzione...


Comunicato della segreteria - 08/01/2020

[]
Democrazia Atea condanna tutti gli atti di guerra e in questo frangente esprime la propria condanna alla posizione suicida e subalterna del Governo italiano agli USA. Chiediamo l'uscita dalla NATO e l'immediato ritiro delle truppe italiane non solo dall'Iraq ma da tutti i Paesi del Medio Oriente.

Comunicato della segreteria

[]
Democrazia Atea ha come obiettivo prioritario difendere e attuare il principio di laicità.
La linea politica da sempre adottata, si è caratterizzata e indirizzata in direzione del contrasto alla politica clericale, responsabile del degrado umano nella società italiana.

Iscriviti a DA

[]
Aderisci al progetto di Democrazia Atea e partecipa alle nostre iniziative.

Il testimone

[]
Gli auguri di buon compleanno e un appuntamento a rivederci a fine mese, questa la nostra ultima conversazione.

Regala un libro

[]
I libri di Carla Corsetti
I diritti d’autore sono devoluti a Democrazia Atea.
Puoi ordinarli on line senza spese di spedizione oppure nelle librerie.

194

[]
"Caro ragazzo, per affermare che l'aborto è un omicidio significa che aderisci a quella teoria fondamentalista che ritiene che la vita si formi sin dal concepimento."

Petizioni

[]
Le petizioni hanno la funzione di sensibilizzare l’opinione pubblica su tematiche che, il più delle volte, non agganciano il consenso elettorale ma che inducono alla riflessione e aumentano il senso critico degli individui.

Documenti

03-03-2019 - 16,58 KB - Sbattezzo
[stampa]] [facebook] [Twitter]
03-03-2019 - 88,69 KB - Onu
[stampa]] [facebook] [Twitter]
04-06-2019 - 1,38 MB - Programma
[stampa]] [facebook] [Twitter]
12-07-2020 - 214,70 KB - Sanità
[stampa]] [facebook] [Twitter]

Campagna informativa

[]

Left

[]
Gli articoli di Carla Corsetti pubblicati su Left

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
INFORMATIVA SITO WEB
SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

AI SENSI DEL REGOLAMENTO GENERALE SULLA PROTEZIONE DEI DATI

Grazie per dedicare qualche minuto alla consultazione di questa sezione del nostro sito Web.
La tua privacy è molto importante per il nostro partito politico Democrazia Atea (di seguito indicato con l’acronimo
DA) per tutelarla al meglio, ti forniamo queste note in cui troverai indicazioni sul tipo di informazioni raccolte online e
sulle varie possibilità che hai di intervenire nella raccolta e nell’utilizzo di tali informazioni nel sito.
Si tratta di un’informativa che è resa, anche ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 per la protezione dei dati
personali, a coloro che interagiscono con i servizi web. L’informativa è resa solo per il sito di nostra proprietà e non
anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Il Titolare del trattamento è il partito politico Democrazia Atea, con sede a Ceprano (FR) in Via Vittorio Alfieri, 80.
Il Titolare può essere contattato mediante email all’indirizzo info@democrazia-atea.it o a mezzo pec all’indirizzo
Esercente le funzioni di Titolare del trattamento è il Segretario Nazionale pro-tempore di DA, Carla Corsetti.

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI (DPO)

DA, ai sensi dell’articolo 37 del RGPD, ha proceduto ad individuare e nominare il Data Protection Officer (DPO), Sylvio
Verrecchia, contattabile all’indirizzo email sylvio.verrecchia@peritoinformatico.it o all’indirizzo pec

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi Web di questo sito hanno luogo presso la nostra sede operativa e sono curati dal
personale interno, incaricato del trattamento, che opera con la collaborazione di soggetti terzi designati Responsabili
esterni del trattamento. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che accedono ai servizi web presenti nelle aree interattive del sito (ad es. richieste di
invio di newsletter o richieste di adesione o richieste di informazioni), saranno utilizzati per le sole finalità
preventivamente indicate.

FINALITA’ DEL TRATTAMENTO

I dati personali da Lei (di seguito denominato Utente) liberamente e volontariamente comunicati a DA, quali nome, cognome, email ed eventualmente indirizzo e recapito telefonico, oltre ai dati particolari perché idonei a rivelare un’appartenenza politica, sono necessari per gli adempimenti previsti per legge e sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta:

1.per la richiesta di adesione al partito politico Democrazia Atea;
2.per l’invio della newsletter;
3.per l’invio di comunicazioni relative all’attività svolta da DA
(le iniziative che il partito intraprende o a cui partecipa, quali convegni, congressi, assemblee, manifestazioni pubbliche e dibattiti);
4.per raccolta fondi;
5.per l’invio della tessera, di gadget e pubblicazioni, di materiale informativo, promozionale ed elettorale.

I dati personali potranno essere trattati a mezzo sia di archivi cartacei che informatici, protette adeguatamente e trattati con modalità strettamente necessarie a far fronte alle finalità sopra indicate.

BASE GIURIDICA - CATEGORIE PARTICOLARI DI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 9 del GDPR 2016/679, Lei potrebbe conferire a Democrazia Atea dati qualificabili come “categorie particolari di dati personali” e cioè quei dati che rivelano “l'origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l'appartenenza sindacale, nonché dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona”.

Il fondamento giuridico del trattamento risiede nell’art. 9, par. 2 del GDPR 2016/679:
1-l'interessato ha prestato il proprio consenso esplicito al trattamento di tali dati personali per una o più finalità specifiche;
2-il trattamento è effettuato, nell'ambito delle sue legittime attività e con adeguate garanzie, da una fondazione, associazione o altro organismo senza scopo di lucro che persegua finalità politiche, filosofiche, religiose o sindacali, a condizione che il trattamento riguardi unicamente i membri, gli ex membri o le persone che hanno regolari contatti con la fondazione, l'associazione o l'organismo a motivo delle sue finalità e che i dati personali non siano comunicati all'esterno senza il consenso dell'interessato.




MODALITA’ DI TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE

Il trattamento sarà svolto in forma automatizzata e/o manuale, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 32 del GDPR 2016/679 in materia di misure di sicurezza, per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Il trattamento sarà svolto ad opera di soggetti appositamente incaricati e in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 29 GDPR 2016/ 679. Segnaliamo che, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 GDPR 2016/679, i dati personali saranno conservati per il periodo di tempo strettamente necessario per il conseguimento delle finalità per le quali sono raccolti e trattati.

TRASFERIMENTO DATI
La gestione e la conservazione dei dati personali avverrà su server ubicati all’interno dell’Unione Europea del Titolare e/o di società terze incaricate e debitamente nominate quali Responsabili del trattamento. Attualmente il server web è situato in Germania. I dati non saranno oggetto di trasferimento al di fuori dell’Unione Europea.


TIPI DI DATI TRATTATI

DATI DI NAVIGAZIONE


Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito Web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito solo su richiesta degli organi di vigilanza preposti.

DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE DALL’UTENTE

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

FACOLTATIVITA’ DEL CONFERIMENTO DEI DATI

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta informazione, moduli di contatto o comunque indicati via mail per sollecitare l’invio di materiale informativo o di altre comunicazioni. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

PARTE RISERVATA PER I MINORENNI

Nessuna persona di età inferiore ai 18 anni, senza previo consenso dei genitori o di chi ne fa le veci, potrà inviare informazioni a questo sito Web, ne tantomeno potrà fare acquisti o perfezionare atti legali presso questo sito senza il suddetto consenso, a meno che ciò non sia consentito dalle norme in vigore.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di esercitare, ai sensi degli articoli dal 15 al 22 del Regolamento UE n. 2016/679, il diritto di:
1. chiedere la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali;
2. ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati personali, i destinatari o le
categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati e, quando possibile, il periodo di conservazione;
3. ottenere la rettifica e la cancellazione dei dati;
4. ottenere la limitazione del trattamento;
5. ottenere la portabilità dei dati, ossia riceverli da un titolare del trattamento, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, e trasmetterli ad un altro titolare del trattamento senza
impedimenti;
6. opporsi al trattamento in qualsiasi momento ed anche nel caso di trattamento per finalità di marketing
diretto;
7. opporsi ad un processo decisionale automatizzato relativo alle persone fisiche, compresa la profilazione.
8. chiedere al titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
9. revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
10. proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell’Autorità: www.garanteprivacy.it.
Chiunque dovesse avere dubbi riguardanti il rispetto della politica per la tutela della privacy adottata da DA, la sua applicazione, l’accuratezza dei tuoi dati personali o l’utilizzo delle informazioni raccolte può contattarci al seguente indirizzo postale: Democrazia Atea – Ufficio Privacy – Via Vittorio Alfieri, 80 – 03024 Ceprano (FR), o tramite il seguente indirizzo mail: privacy@democrazia-atea.it .

Per facilitare l'esercizio dei diritti riconosciuti dal Regolamento UE 2016/679, l'interessato potrà scaricare il modulo al seguente link https://www.democrazia-atea.it/file/modelloeserciziodiritti_da.pdf, compilarlo ed inviarlo all’indirizzo mail privacy@democrazia-atea.it .



torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account