22 Maggio 2024
person
area privata
visibility
Articoli
percorso: Home > Articoli > Redazione DA

3 APRILE 1926

15-11-2023 22:20 - Redazione DA
Il 3 aprile 1926 Mussolini emanò la legge fascista n.563 che all'art.18 così recitava: “La serrata e lo sciopero sono vietati”.
Salvini si pone in continuità politica con quella norma e vuole vietare lo sciopero proclamato dai sindacati.
C'è da chiedersi perché i fascisti sono contro gli scioperi e non ne riconoscono il valore sociale e politico, rimanendo concentrati sugli effetti di disagio che lo sciopero, per sua natura, deve produrre.
Di Vittorio, il più grande sindacalista della storia italiana, disse: “È attraverso lo sciopero che i lavoratori, poveri e deboli isolatamente, affermano la propria potenza e l’indispensabilità della loro funzione sociale”.
I fascisti sanno perfettamente che i lavoratori, attraverso lo sciopero, solidarizzano e diventano forza organizzata in grado di raggiungere obiettivi in posizione di contrasto con chi vuole toglierli.
La semplice adesione ad un sindacato non costituisce grande preoccupazione per gli interessi padronali.
È con lo sciopero che le forze repressive sono poste di fronte alle necessità dei lavoratori fino ad allora ignorate.
Il fascismo, che quelle necessità vuole continuare ad ignorarle, si oppone allo sciopero e adotta provvedimenti repressivi, ieri la legge 563/26, oggi la precettazione.
Il tuo 5x1000 a Laicitalia
[]
Democrazia Atea invita tutti i militanti, iscritti e simpatizzanti a sostenere questa associazione che lotta per la tutela dei diritti umani e costituzionali.

14 maggio 2021 - Presidio davanti la regione Lazio
Venezia 9 maggio 2021 - intervento di Ciro Verrati
Carla Corsetti interviene sul diritto di salpingectomia
Radio Radicale
Gli interventi di Carla Corsetti a Radio Radicale

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh

cookie