Campagna Tesseramento 2018
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

Obiettivo n.48
Obiettivo n.48

Abrogazione della destinazione dell’8 per mille in favore delle organizzazioni religiose. Destinazione dell’8 per mille alla ricerca scientifica. Destinazione del 5 per mille ad associazioni, riconosciute o non riconosciute, fondazioni o altro purché abbiano sede legale nello Stato Italiano. Esclusione del 5 per mille alle associazioni che non siano antifasciste.

 

In uno Stato ove si tutela il principio di laicità, le organizzazioni religiose non possono essere mantenute con sistemi di tassazione obbligatoria.

Il meccanismo di tassazione posto a carico dei cittadini italiani per mantenere le organizzazioni religiose è stato congegnato in modo tale da consentire che oltre l’89% del gettito sia erogato in favore della sola chiesa cattolica.

La misura di tassazione posta obbligatoriamente a carico dei contribuenti, corrisponde all’8 per mille del reddito dichiarato.

Un segnale di discontinuità culturale si realizzerebbe se, anziché destinare somme alle organizzazioni religiose, le stesse somme fossero invece destinate a organizzazioni scientifiche.

Alle organizzazioni religiose non dovrebbe nemmeno essere consentito di partecipare alla distribuzione delle somme raccolte con la tassazione del 5 per mille.

La tassazione del 5 per mille, pur lasciando ai contribuenti la scelta sulla destinazione, dovrebbe escludere tutte le organizzazioni che, per quanto operino sul territorio italiano, dipendono da altri Stati nei quali non sono rispettati i diritti umani, ovvero quegli Stati che si pongono in contrasto con i nostri principi costituzionali, come ad esempio lo Stato del Vaticano.

Devono essere escluse dalla destinazione del 5 per mille, anche tutte quelle associazioni le cui finalità statutarie siano anticostituzionali o che siano in relazione diretta con organizzazioni fasciste.