Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

Obiettivo n.16
Obiettivo n.16

Politica della tolleranza nei confronti dell’uso e della diffusione delle droghe leggere. Utilizzo esteso degli oppiacei nei protocolli sanitari. Riforma complessiva della legislazione in tema di sostanze stupefacenti sul modello olandese

 

L’hashish è una sostanza stupefacente che deriva dalla cannabis.

L’assunzione delle sostanze psicotrope è antica ed è sicuramente precedente al conferimento della delega all’on.le Giovanardi sulle tossicodipendenze.

Le politiche punitive adottate dal governo clericale e fascista, hanno avuto la sgradevole conseguenza di far lievitare i procedimenti penali e amministrativi a carico di soggetti eccessivamente criminalizzati.

Altri Paesi prima di noi e meglio di noi hanno affrontato il problema delle droghe leggere e delle droghe pesanti e i risultati sono stati soddisfacenti.

Nella legislazione olandese la priorità dello Stato è riservata alla salute.

Le droghe sono classificate tra quelle che presentano rischi per la salute preoccupanti e gravi (droghe pesanti) e quelle che, derivate dalla canapa, sono considerate con un rischio inferiore (droghe leggere).

In Olanda i tossicodipendenti non sono considerati criminali ma persone da curare.

La politica adottata dall'Olanda ha mirato essenzialmente alla riduzione del danno tollerando la vendita di droghe leggere ma con un costante monitoraggio per aiutare i giovani a tenersi lontano dalle droghe pesanti.

In Italia, dove la legislazione è fortemente repressiva, i tossicodipendenti, in percentuale, sono quasi sette volte più numerosi degli olandesi.

La politica olandese di tolleranza si è accompagnata ad una severa e rigorosa lotta contro le organizzazioni criminali con risultati soddisfacenti.

In Italia invece la politica di repressione si è accompagnata a un aumento crescente degli introiti delle organizzazioni criminali che sul traffico degli stupefacenti hanno creato un impero.