Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

TEOCRATIZZAZIONE 05/10/2017

Ora per onestà intellettuale, dovranno dare atto a Bertinotti che è stato il primo a proporre per i comunisti italiani la svolta teocratica.

Sono mesi che i segretari dei partiti ex comunisti hanno assunto come intercalare Bergoglio.

La pianificazione teocratica oggi avrà uno spunto in più.

Bergoglio gli ha sostituito il Capitale di Marx con la sua concezione dei diritti sociali.

Lo statuto dei lavoratori in Iran, tra le varie rappresentanze sindacali, prevede i Consigli di fabbrica islamici.

E' ipotizzabile che ora la "sinistra" italiana proponga anche da noi i consigli di fabbrica cattolici, sicchè le prossime RSU si riuniranno negli oratori?

Se di lavoro ne parla un Presidente del Consiglio è titolato a farlo, ma se ne parla il Capo di una monarchia teocratica non è affatto titolato, se non nella cerchia dei suoi seguaci.

Molti non hanno mai sentito parlare della separazione dei poteri, e meno che mai sentito parlare del Principio di laicità.

Il potere temporale della Chiesa è finito nel 1870 ma una sedicente sinistra lo sta riesumando.

A sinistra si registra l'incapacità di separare la personale privata sfera religiosa con la sfera pubblica, pensando che il loro referente religioso dica cose condivisibili e quindi "deve" andare bene per tutti.

Hanno perduto l'abc dei principi costituzionali, è questa l'aberrazione.

Non diciamo che Bergoglio debba restare zitto, riteniamo che le sue esternazioni se pronunciate come capo di Stato valgono per i suoi 600 cittadini, se parla come capo religioso valgono per i seguaci della sua setta, in ogni caso se le sue esternazioni diventano il messaggio politico della sinistra, e questa si porterà appresso la responsabilità storica di far precipitare la emancipazione sociale indietro di secoli.

Questa mancata separazione era la caratteristica preponderante del Medio Evo.

Nei paesi islamici questa assenza di separazione è attuale e infatti riteniamo che siano nel Medio Evo della civiltà.

Bergoglio, da buon gesuita, ha adescato buona parte della sinistra all'amo dei diritti sociali che, nella sua concezione, sono elargizioni divine e non conquiste legislative, e poi il passo successivo sarà il rafforzamento della negazione dei diritti umani, a partire dai diritti delle donne.

E ancora una volta certa sinistra italiana sarà responsabile di queste nefandezze.

ritorna alle news
Altre News
DEMOCRAZIA ATEA A ROMA
Incontro con tesserati e simpatizzanti
Leggi tutto
#Nonreato!
Manifestazione contro il razzismo
Leggi tutto
PAREGGIO DI BILANCIO
Dal programma di Democrazia Atea
Leggi tutto