Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

Spiritualitą e pedofilia 28/02/2012

 Democrazia Atea non ha mai messo in atto alcuna modalità di attacco alla spiritualità nè alla fede. 

Capisco che spesso si fa confusione e non si riesce a distinguere fede e religione da Chiesa e Vaticano. 

Semmai si vuole denunciare ed evidenziare quei fatti e atteggiamenti e quei crimini commessi e che si commettono nascondendosi dietro il bisogno di fede. 

Quindi si denuncia chi abusa della altrui debolezza o il bisogno di spiritualità che va sempre tutelato e garantito. 

Mai si è speso argomento per promuovere l'ateismo e DA non è il partito degli atei o contro le religioni o contro la libertà di credo.

Combatte anzi proprio i soprusi di chi nega anche ad altre religioni il diritto di credo, come viene negato il diritto di chi non crede così come il diritto di vivere seguendo le leggi dello Stato e non le regole morali che si vogliono imporre con il potere di ricatto politico della chiesa cattolica. 

La pedofilia è un orrendo crimine di cui si è macchiata e si macchia la Chiesa continuamente attraverso il clero. 

Questo crimine non è combattuto e osteggiato e denunciato ma accuratamente occultato, nascosto, ignorato e quindi favorito da un atteggiamento volutamente omertoso dove si pensa a difendere l'istituzione chiesa e gli appartenenti del clero coinvolti e non si pensa alle vittime. 

Da parte di molti cattolici non ho sentito nemmeno una parola a difesa di un solo bambino stuprato dal clero, non una parola a difesa anche di un solo innocente mentre si dimostra cieca ottusità unendosi al coro di chi difende il criminale e gira la testa dall'altra parte non volendo vedere e non volendo guardare negli occhi le vittime. 

Questo atteggiamento, a mio avviso, gravissimo. 

E chi tra le alte gerarchie, il papa in testa, continua in questa direzione favorendo la pedofilia e nascondendo alla giustizia i carnefici, di che cosa si rende responsabile ?! 

Tutto questo in un paese civile è totalmente inaccettabile oltre che criminale. 

Gli innocenti non vanno forse tutelati da chiunque abusi di loro ?!

Questa è esigenza di giustizia e giusta indignazione per il loro stupro e per la colpevole indifferenza per cui sono costretti a essere stuprati più volte non trovando ascolto al loro dramma e non ricevendo le necessarie e dovute e pronte e urgenti risposte anche civili, che mi aspetterei copiose da parte dei credenti per primi. 

Non c'è molto da aggiungere se non che sono esterrefatta ma purtroppo per nulla sorpresa davanti a chi probabilmente non riesce a ergersi in piedi per essere donna o uomo perché assuefatta dal suo essere inginocchiata e passiva pecorella di un gregge. 

Ma questo rientra nelle responsabilità personali. 

Mentre credo sia doveroso essere diversi e agire per chiedere giustizia e salvare innocenti, salvando in questo modo anche la democrazia, e i diritti, anche di chi crede.

 

Elisa De Lucia

ritorna alle news
Altre News
DA COMMISTIONE A SIMBIOSI
Principio di laicità disatteso
Leggi tutto
DESIO - 18 NOVEMBRE 2017
Incontro con tesserati e simpatizzanti
Leggi tutto
TORINO 11 NOVEMBRE 2017
Incontro con tesserati e simpatizzanti
Leggi tutto