Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

M5S, perchè no 31/07/2012

 Fondare un non-partito regolato da un non-statuto è già questa una impostazione illusoria. 

L'art.49 della nostra Costituzione recita: "Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale". 

Quindi la Costituzione prevede che le associazioni di persone che vogliono concorrere a determinare la politica del Paese si debbano intendere come partiti. 

Che poi si autodefiniscano movimenti, come il Movimento Sociale Italiano, o leghe, come la Lega Nord, è una pura questione propagandistica. 

Ciò che noi non condividiamo del M5S è il populismo del suo leader. 

Non condividiamo che il simbolo di quel partito abbia un proprietario. 

Non condividiamo che una formazione politica abbia alle spalle una lobby come la Casaleggio Associati. 

Non condividiamo che non abbia alcuna linea politica ufficiale circa il rispetto dei diritti umani e degli omosessuali.

Non condividiamo che non abbia una linea politica sulla laicità. 

Non condividiamo che nel corso della cerimonia di fondazione si siano affrettati a nominare San Francesco protettore del M5S. 

Non condividiamo che non abbiano assunto una linea antivaticanista e che anzi abbiano abbracciato simbolicamente tale don Farinella. 

Non condividiamo che abbiano appoggiato la vendita del libro 'Vaticano spa' di Gianluigi Nuzzi non certo perchè sono antivaticanisti ma perchè la casa editrice Chiarelettere è in partnership con la Casaleggio Associati. 

Non condividiamo che stiano vendendo l'illusione del rinnovamento democratico attraverso il web, perchè una simile scelta esclude la maggior parte della popolazione che non ha dimestichezza con la rete e che ha pur sempre diritto di partecipare. 

Nel M5S si sostiene che ognuno conta, ognuno esprime liberamente la propria opinione e solo perchè lo fa, sta attuando una rivoluzione democratica. 

Finora registriamo grillini che si esprimono contro "i vecchi" i quali, non avendo accesso al computer, dovrebbero essere privati anche del diritto di voto. 

Registriamo grillini che si esprimono contro i gay perchè per loro la famiglia è quella tradizionale. 

Registriamo un continuo calpestare la Costituzione in nome della libertà di espressione.

 Registriamo una esaltazione del web nella delirante convinzione che la rete possa tranquillamente sostituirsi alla istituzione parlamentare. 

Noi pensiamo che la politica debba essere espressione della indignazione e non della frustrazione. 

Quando il malcontento e la frustrazione diventano potere, la storia ci regala sempre parentesi dittatoriali. 

Non crediamo che Grillo abbia la forza di instaurare un sistema dittatoriale, ma quando parla di processi in pubblica piazza le folle frustrate si scaldano e noi non condividiamo questa modalità. 

Del resto la vera base elettorale del M5S non risiede tra le formazioni progressiste, ma tra il PDL e la Lega Nord, sono loro ad aver registrato una perdita di elettorato in fuga verso le sponde più nuove offerte da Grillo. 

Noi non abbiamo una "base elettorale" da perdere e chi si sente affine a Grillo è democraticamente giusto che faccia la propria scelta. 

Pensiamo purtroppo che il M5S sia un'altra occasione perduta per contribuire al progresso civile del Paese.

ritorna alle news
Altre News
LAICITA' QUESTA SCONOSCIUTA
La sottomissione clericale di Di Maio
Leggi tutto
PETIZIONE PER IVG AMBULATORIALE
IVG farmacologica
Leggi tutto