Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

L'ONU CONTRO I DIRITTI UMANI 23/09/2015

La nostra civiltà europea si è tendenzialmenteconformata alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo adottata dall’Assemblea Generale delle nazioni Unite nel 1948.

Le società islamiche hanno invece elaborato una Dichiarazione Islamica dei Diritti dell’Uomo, proclamata presso l’Unesco e firmata a Parigi nel 1981.

Per quanto le due Dichiarazioni abbiano apparentemente alcuni punti di contatto, in verità v’è un contrasto incolmabile e insanabile.

Il modello sociale sotteso alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo è laico e libertario.

Il modello sociale sotteso alla Dichiarazione Islamica dei diritti dell’Uomo è teocratico e i diritti esistono solo in quanto promanazione della legge divina.

Non esiste, né potrà mai essere elaborata una legislazione di raccordo tra le due Dichiarazioni.

Non esiste alcuna possibilità che una mentalità teocratica possa trovare un punto di incontro con una mentalità laica e libertaria.

L’una è la negazione dell’altra.

Il multiculturalismo, proteso salvaguardare le specificità culturali e religiose, se trova una sponda legislativa con la Dichiarazione Islamica dei Diritti dell’Uomo, diventa l’innesco di una pericolosità sociale esplosiva.

Inseguire l’integrazione con l’islam è una partita persa, almeno fino a quando le legislazioni nazionali che hanno adottato la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo non dichiarino esplicitamente fuorilegge la Dichiarazione Islamica dei Diritti dell’Uomo.

lL'ONU non si è limitato ad adottare la Dichiarazione Islamica dei Diritti Umani ma il 21 settembre 2015 ha nominato Faisal Bin Hassan Trad alla Presidenza del Consiglio sui Diritti Umani.

Faisal proviene dall'Arabia Saudita un paese che è al quarto posto nel mondo per esecuzioni di crocifissioni e lapidazioni, un Paese governato da una monarchia tanto ricca quanto feroce, caratterizzato da un oscurantismo medievale che suscita orrore e disgusto per tutti, tranne che per gli USA, i loro migliori alleati.

L'ONU è diventato progressivamente pericoloso per la sicurezza degli Stati ma con la nomina di Faisal è diventato pericoloso anche per la sicurezza dei diritti individuali.

 

ritorna alle news
Altre News
LAICITA' QUESTA SCONOSCIUTA
La sottomissione clericale di Di Maio
Leggi tutto
PETIZIONE PER IVG AMBULATORIALE
IVG farmacologica
Leggi tutto