Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

INGERENZE CATTOLICHE IN PARLAMENTO 30/11/2014

On.le Presidente Boldrini,

apprendiamo dalla stampa che l’ambulatorio della Camera dei Deputati è stato affidato alla sanità cattolica, quella stessa sanità cattolica che ha depredato la sanità pubblica con la complicità della classe politica, e che si permette di trasgredire impunemente le legislazioni nazionali e regionali in spregio al Principio di Laicità.

Apprendiamo che due deputate hanno chiesto assistenza ginecologica prevista dalla legislazione nazionale e regionale e che si sono viste opporre il rifiuto dei medici presenti nella struttura i quali hanno illegittimamente invocato l’obiezione di coscienza in riferimento alla prescrizione di un farmaco.

L’episodio è di una gravità estrema se si pensa che la violazione dei diritti umani si è consumata proprio nei luoghi dove le massime rappresentanze istituzionali dovrebbero garantire il rispetto dei principi Costituzionali quali il Diritto alla Salute e il Diritto all’Autodeterminazione.

Democrazia Atea già da tempo ha offerto assistenza legale gratuita contro i medici che si rifiutano di adempiere al loro dovere, e sicuramente le deputate vittime dei reati commessi dai medici dell’ambulatorio della Camera, valuteranno autonomamente se agire in sede penale, atteso che i reati, per quanto è dato sapere, sono perseguibili a querela di parte.

E’ noto ai più che Lei è cattolica e che il Suo cattolicesimo ha già travalicato i limiti della decenza istituzionale quando ha ipotizzato una visita del monarca Bergoglio in Parlamento, o quando, in qualità di Presidente della Camera dei Deputati, ha richiamato i valori di Francesco d’Assisi, venerato nella Sua setta, come se fossero universali e condivisibili da tutti.

Ci consta che l’articolo 3 della nostra Costituzione non è stato ancora soppresso e che il Vaticano, con tutte le sue ingerenze, resta pur sempre uno Stato extracomunitario.

Democrazia Atea chiede, senza riserve, che la legge sia rispettata all’interno del Parlamento italiano e che i medici che ivi hanno commesso reati, anche se perseguibili a querela di parte, siano immediatamente allontanati.

Auspichiamo inoltre una indagine conoscitiva sulle motivazioni in forza delle quali sia stata soltanto una organizzazione cattolica a rispondere alla gara d’appalto per la gestione dell’ambulatorio ed inoltre come sia stato possibile che le limitazioni religiose oscurantiste di cui la setta cattolica è portatrice, abbiano potuto avere ingresso nell'epicentro delle Istituzioni democratiche repubblicane.

La Segreteria Nazionale

ritorna alle news
Altre News
LAICITA' QUESTA SCONOSCIUTA
La sottomissione clericale di Di Maio
Leggi tutto
PETIZIONE PER IVG AMBULATORIALE
IVG farmacologica
Leggi tutto