Campagna Tesseramento 2018
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

DICHIARAZIONE DI OXFORD DEL CONGRESSO UMANISTA 2014 31/10/2014

Il Congresso Umanista Mondiale 2014, riunito a Oxford, UK, dall'8 al 10 agosto 2014, (http://iheu.org/oxford-declaration-on-freedom-of-thought-and-expression/) ha adottato la seguente dichiarazione sulla libertà di pensiero ed espressione:

"In tutto il mondo e in ogni tempo, è la libertà di pensiero e la libertà di espressione che hanno dimostrato di avere i più essenziali requisiti per la prosperità umana, ma ogni generazione deve affrontare nuove minacce a queste libertà fondamentali.

Consapevoli di ciò, noi sosteniamo che:

Il diritto alla libertà di pensiero e di credenza è uno ed è il medesimo diritto per tutti. Il diritto umano chiaramente espresso nell'Articolo 18 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani ed elaborato altrove è e deve essere un unico diritto, indivisibile, che protegge la dignità e la libertà di tutte le persone proteggendo il loro diritto alle loro credenze personali, qualsiasi siano tali credenze, religiose o non-religiose. Come recita l'Articolo 7 della Dichiarazione 'Tutti sono uguali davanti alla legge e hanno diritto senza alcuna discriminazione a uguale tutela da parte della legge'.

Nessuno ovunque mai dovrebbe essere forzato ad avere o a non avere una credenza. La libertà di pensiero implica il diritto di sviluppare, mantenere, esaminare e manifestare le nostre credenze senza coercizione, e di esprimere opinioni e visioni del mondo sia religiose che non-religiose, senza timore di coercizione. Essa include la libertà di cambiare le nostre opinioni o di rigettare credenze precedentemente accettate, o precedentemente ascritte. La pressione a conformarsi a ideologie di stato o a dottrine religiose è un atto di tirannia. Le leggi che prescrivono o criminalizzano le credenze contravvengono la dignità umana e devono essere abolite. Ogni cittadino di ogni stato ha il diritto di chiedere l'abolizione di tali leggi, e tutti gli stati dovrebbero supportare coloro, dovunque essi siano, i quali chiedono che le loro libertà sociali e la loro libertà personale siano sostenute.

Il diritto alla libertà di espressione è globale nella sua portata. Il diritto umano chiaramente espresso nell'Articolo 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani include il diritto di 'cercare, ricevere e divulgare informazioni e idee attraverso qualsiasi mezzo e senza riguardo alle frontiere'. Nessun nazionalismo arretrato o insicurezza dello stato dovrebbe inibire la comunità umana globale dal realizzare il potenziale delle nostre nuove tecnologie, dei nostri mass media, dei nostri social media, e il nostro accesso personale alle reti transnazionali. Gli stati dovrebbero investire adeguate risorse per permettere la partecipazione dei loro cittadini a tale conversazione globale.

Non c'è alcun diritto a non essere offeso, o a non udire opinioni contrarie. Il rispetto per la libertà di credenza delle persone non implica nessun dovere o bisogno di rispettare quelle credenze. L'espressione dell'opposizione a qualsiasi credenza, inclusa la satira, la ridicolizzazione o il biasimo in tutti i media e in tutte le forme è vitale per il discorso critico e qualsiasi limitazione che è esercitata su questa espressione deve essere conforme all'Articolo 29 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, cioè rivolta a proteggere i diritti e le libertà degli altri. La migliore risposta all'espressione di opinioni con le quali non siamo d'accordo e quella di replicare a esse. La violenza e la censura non sono mai risposte legittime. Tutte le leggi che criminalizzano il linguaggio per motivi di 'blasfemia' o di offesa alle credenze e ai valori ostacolano la libertà umana e dovrebbero essere abolite.

Gli stati non devono limitare il pensiero e l'espressione meramente per proteggere il governo dalla critica. Gli stati che criminalizzano le critiche alle politiche governative o ai funzionari come proditorie o sediziose, o come minacce alla sicurezza, non sono "governi forti" che difendono i migliori interessi del pubblico, ma prepotenti ipercritici che esercitano la tirannia per i propri interessi. Gli stati dovrebbero assicurare nella legge del loro Paese, nei loro sistemi educativi, e nella conduzione della loro vita nazionale in generale, che la libertà di pensiero ed espressione siano attivamente promosse e perseguite per il beneficio reale di tutti i membri della società.

La libertà di credenza è assoluta ma la libertà di agire in base a una credenza non lo è. Come membri responsabili di una comunità noi accettiamo che la nostra libertà di agire a volte sia limitata, se e solo se le nostre azioni minassero i diritti e le libertà degli altri. La libertà di credenza non può legittimare che siano ignorati i principi di non-discriminazione e uguaglianza davanti alla legge. Questi equilibri possono essere difficili da raggiungere ma con un punto focale sulla libertà e la dignità umana, noi crediamo che i legislatori e i magistrati possano raggiungerli in maniera progressiva.

Noi sosteniamo i principi di democrazia, dei diritti umani, del dominio della legge, e del secolarismo come quelli che forniscono il fondamento più solido per lo sviluppo di società aperte dove la libertà di pensiero ed espressione sarà protetta e incoraggiata.

Noi ci impegniamo in tutta la nostra opera a sostenere e promuovere gli esistenti diritti alla libertà di pensiero ed espressione all'interno della struttura internazionale dei diritti umani e a opporci alle limitazioni nazionali e internazionali del diritto degli individui di pensare liberamente con la propria testa e di esprimere apertamente i loro punti di vista senza timore.

Noi sollecitiamo ognuna delle nostre organizzazioni associate e gli umanisti di tutto il mondo a sostenere questi valori nelle loro stesse vite; a promuovere nelle loro comunità una maggiore comprensione pubblica dei diritti alla libertà di pensiero e alla libertà di espressione per tutti; a spronare i loro governi a promuovere questi valori; e a unirsi con gli umanisti e altri nel difenderli e farli avanzare a beneficio di tutta l'umanità."

(Traduzione amatoriale di Fiorenzo Nacciariti

demoateo di Falconara Marittima)

ritorna alle news
Altre News
L'ITALIA SBRICIOLATA
Il disastro di Genova
Leggi tutto
DIRITTO ALLA CONOSCENZA
Tutti gli uomini per natura desiderano sapere
Leggi tutto
LURIDE ZAMPE
Non abbiamo dimenticato le responsabilità della Chiesa cattolica...
Leggi tutto